in ,

Scomparsa Ylenia Carrisi news: il mistero del vestito a fiori, spunta foto esclusiva

Saranno necessarie ancora due settimane d’attesa per sapere se i resti ossei di una giovane donna ritrovati nel settembre 1994 in un bosco della Florida a confine con l’Alabama, siano quelli di Ylenia Carrisi, la figlia 24enne di Al Bano Carrisi e Romina Power misteriosamente scomparsa da New Orleans nel periodo a cavallo tra fine dicembre 1993 e inizi gennaio 1994.

Del caso si è parlato oggi a Mattino 5, alla luce delle nuove esclusive dichiarazioni che Dennis Halley, il detective americano che ha fatto riaprire il caso, ha rilasciato alla trasmissione di Canale 5. Secondo il poliziotto, i resti in questione appartengono proprio alla figlia dl cantante pugliese, che sarebbe stata uccisa da Keith Hunter Jesperson, il camionista canadese 60enne condannato all’ergastolo e reo confesso di almeno 8 delitti, tra cui quello della figlia di Al Bano. Lui avrebbe ucciso Ylenia, incontrata in una stazione di servizio a Tampa, in Florida, mentre faceva l’autostop. A convincere di ciò il detective americano, l’identikit offerto dal serial killer, che avrebbe descritto un ragazza – “indossava un vestito a fiori ed un braccialetto di perle e si faceva chiamare Suzanne” – nei tratti somatici pressoché identica a Ylenia Carrisi, con indosso un vestito a fiori che l’agente americano ha scoperto essere molto simile ad uno indossato da Ylenia quando si trovava a New Orleans, come dimostrerebbe una foto in suo possesso presa da internet.

La ragazza morta si chiamava Suzanne, ed anche Ylenia si faceva chiamare così. Possibile che sia solo una incredibile coincidenza? I test in laboratorio sul Dna di Al Bano Carrisi e famiglia confrontati con quello della vittima presto daranno risposta a questo quesito. “I tempi coincidono: l’ultimo avvistamento di Ylenia risale a gennaio 94, i resti ossei son stati rinvenuti a settembre dello stesso anno. E poi ci sono voci secondo cui Ylenia voleva andare in Florida”, queste le parole di Dennis Halley. Ad avvalorare la sua pista investigativa, un secondo identikit fatto da un esperto forense che ha analizzato il cranio e l’arcata dentaria della vittima, ed evidenziato una sorprendente similitudine per forma e dimensioni con quelli di Ylenia.

Come scrivere un Curriculum

Come scrivere il curriculum perfetto? Ecco i consigli

Uomini e Donne gossip: Silvia si è fidanzata, è un calciatore