in

Scomparso a Capaci news: Giovanni Guzzardo ha avuto due complici

Capaci scomparsa di Santo Alario nel Palermitano: indagati anche fratelli di Giovanni Guzzardo, arrestato con l’accusa di avere ucciso l’amico il 7 febbraio scorso, giorno in cui scomparvero nel nulla dopo esservi avviati in auto a Ventimiglia di Sicilia per un appuntamento, e di averne occultato il corpo.

Ebbene l’uomo, 46enne titolare del bar ‘Avana’ a Capaci, è stato arrestato un mese fa, dopo che da tempo gli inquirenti, avuta conferma che fosse vivo, lo tenevano d’occhio. Si è nascosto per mesi in un casolare di campagna abbandonato nel Palermitano. Arrestato e tradotto  nel carcere “I Cavallacci” di Termini Imerese con l’accusa di omicidio e occultamento del cadavere ai danni di Santo Alario, Guzzardo non ha parlato davanti al Gip né ha fatto rinvenire il corpo di Alario. Finora non ha dunque collaborato con gli inquirenti.

Potrebbe interessarti anche: Giallo di Capaci news: Guzzardo fa scena muta davanti al Gip, e resta in carcere

Ed è di oggi un’altra importante svolta investigativa: dopo l’arresto di Guzzardo, son stati iscritti nel registro degli indagati anche i fratelli dell’indagato, che sarebbero coinvolti nella scomparsa di Santo Alario. I due uomini sono accusati di occultamento di cadavere. I Carabinieri coordinati dal procuratore capo di Termini Imerese Ambrogio Cartosio, hanno notificato i provvedimenti ai due uomini, accusati di occultamento di cadavere. Sequestrate anche le loro auto.

Alessandro Di Battista a Otto e Mezzo: “Il Quirinale mente, uscita dall’euro? Idea stupida. Il mio rapporto con Luigi”

Il maestro Pippo Caruso è morto: fu il mentore di Pippo Baudo