in ,

Sconto tasse casa 2016: multe salate ai furbi

Sono molte le agevolazioni fiscali attivate dalla Legge di Stabilità 2016 relative alle tasse sulla casa: sconti su Imu, Tasi e Tari che permettono a chi è in difficoltà economiche di avere delle agevolazioni. Agevolazioni che però non devono spettare a chi fa il furbo dichiarando il falso per risparmiare. E’ quello che è emerso da un’indagine approfondita nel Comune di Genova dove gli specialisti del gruppo Equità Fiscale hanno scovato ben un 15% di irregolarità nelle autodichiarazioni Isee dei contribuenti.

Tra le pratiche controllate infatti sono stati ben 22 i casi in cui sono state riscontrate delle irregolarità come comodati d’uso gratuito fittizzi, ma anche un saldo Isee più basso rispetto alla realtà per accaparrarsi agevolazioni fiscali che invece non spettavano. Dopo le verifiche e il riscontro delle false dichiarazioni però ai “furbetti” è arrivato un conto salato; oltre al pagamento delle tasse dovute, è giunta infatti anche la una multa di 5.165 euro in alternativa a quella che poteva essere una denuncia penale.

La false dichiarazioni scoperte dagli specialisti del Comune di Genova, che per la prima volta si sono occupati delle tasse relative alla casa e non solo di servizi come la mensa scolastica, erano relative principalmente a false dichiarazioni Isee per ottenere sconti su Imu e Tasi: a seconda della fascia di redditto infatti si può alleggerire di molto il dovuto. Una pratica anche legata alla presentazione Isee ai fini delle agevolazioni per chi utilizza un immobile in comodato d’uso gratuito: al di sotto dei 15 mila euro annui infatti è prevista l’applicazione dell’aliquota Tasi allo 0,33% e non l’Imu al massimo (1,06%) previsto per le seconde case.

Credit Foto: Lisa S. / Shutterstock

I castelli più belli d’Irlanda: viaggio leggendario tra mito e incanto

del bufalo ruffini

Che Dio ci aiuti 4 anticipazioni: Diana Del Bufalo nel cast