in ,

Scudetto Juventus, dalle lacrime di Claudio Marchisio alla rabbia di baby Bonucci

La Juventus ha vinto il sesto scudetto consecutivo: dal 2011/2012 a oggi, infatti, i bianconeri hanno fatto battuto ogni record per il campionato italiano. Dopo la vittoria contro il Crotone per 3-0, la Juventus ha messo in bacheca il 33esimo titolo di Serie A e, adesso, deve solo pensare alla finale di Champions League contro il Real Madrid (3 giugno 2017): dovesse alzare la coppa dalle Grandi Orecchie eguaglierebbe l’Inter di Mourinho con il triplete. Intanto, però, sui social la festa scudetto della Juventus non è passata inosservata per due motivi: le lacrime di Claudio Marchisio e del figlio di Leonardo Bonucci.

—> Tutto sul mondo del calcio 

Il numero 8 della Juventus, Claudio Marchisio, ha spiegato sui social network del perché delle sue lacrime durante la premiazione avvenuta ieri, domenica 21 maggio 2017. “Non sono riuscito a trattenere le lacrime, questa volta proprio NO! Perché l’anno scorso non ero presente, perché questo scudetto è il sesto di fila, perché ogni scudetto è importante come il primo, perché festeggiarlo insieme a VOI è sempre qualcosa di unico e magico!! Siamo nella storia, fino alla fine forza @juventus ?️???????#Le6end” ha scritto su Instagram a corredo del video che testimonia il suo ingresso in campo.


Differente, invece, il caso “baby Bonucci”. Come noto, infatti, il figlio più grande di Leonardo, difensore della Juventus, è un “simpatizzante” del Torino: scelte di vita, il cuore segue la passione della mamma e dei compagnetti di scuola. L’idea di dover indossare la maglia bianconera non è stata granché gradita tant’è che il piccolo Lorenzo è diventato “mascotte” del web anti-Juve in queste ultime ore. Ma niente di scandaloso, nonostante i giudici dell’internet abbiano già deciso che Bonucci sia un… “pessimo padre”.

 

Diretta Pescara-Frosinone dove vedere in tv e streaming

Diretta Pescara – Palermo dove veedere in tv e streaming gratis Serie A

striscia la notizia

Matteo Renzi a Striscia la Notizia: tapiro d’oro per colpa del bonus cultura e dei ‘furbetti’