in ,

Scuola: adesso il bullismo si può segnalare con un sms, la privacy è garantita

Dai dati di un dossier del Viminale presentato ieri si apprende che droga e bullismo dono due fenomeni in preoccupante crescita proprio in uno luoghi che le famiglie reputano più “protetto”: la scuola. Le cifre del Rapporto fotografano una realtà chiara e non certo rasserenante: nel 2013 le forze dell’ordine hanno tratto in arrestato 55 spacciatori davanti agli istituti scolastici e altri 29 sono finiti in manette solo nei primi sette mesi del 2014, con un aumento del 3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Mentre le segnalazioni di reati commessi da minori sui loro coetanei fino ad agosto 2014, sono 2.107. Si stima una crescita esponenziale rispetto allo scorso anno, in cui le segnalazioni furono complessivamente 2.186.

bullismo e droga si possono segnalare con un sms

Davanti a questi dati per il Viminale è scatta la necessità di una campagna denominata “Sì alla scuola, no droga, no bullismo”. L’iniziativa prevede l’attivazione di un servizio sms: un numero con cinque cifre preceduto dal prefisso delle singole città, attraverso il quale genitori, studenti e insegnanti potranno segnalare i casi di bullismo e la presenza di eventuali pusher fuori dalle scuole.

Per salvaguardare l’incolumità di chiunque voglia effettuare le segnalazioni è stato messo a punto un meccanismo capace di garantire la privacy. Il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, ha assicurato: “Chi segnalerà episodi di spaccio sarà protetto dalla massima riservatezza. Faremo ogni sforzo per proteggere chi denuncia, soprattutto se è minore”. Il progetto nasconde anche il fine di incoraggiare i ragazzi a denunciare per primi l’illegalità e le prevaricazioni.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Pechino Express 3, nuova coppia i #Conquilini: Alessandro Onnis e il Twerkatore de Le Iene

Fredy Guarin Inter-Milan

Inter news: Guarin, da separato in casa a pupillo di Mazzarri