in ,

Scuola ideale in Finlandia: 15 minuti di pausa ogni 45 di lezione

La scuola ideale, quella che si preoccupa di formare i ragazzi invogliandoli allo studio e, nel contempo, anche di curare le loro esigenze, figlie dell’età della spensieratezza, esiste davvero. Basta andare in Finlandia per rendersi conto che è tutto vero. Negli istituti scolastici del Paese nordico, infatti, il profitto degli studenti pare giovare dell’inusuale metodo didattico adottato: ad ogni lezione di 45 minuti segue un periodo di pausa della durata di 15 minuti per professori e ragazzi. A confermarlo l’esperienza di un docente americano trasferitosi da poco in Finlandia, Tim Walker, che conferma in maniera assoluta l’efficacia della scuole finlandesi e l’importanza del “metodo dei 15 minuti”Scuola Finlandia


Si tratta di vere e proprie pause di ristoro, trascorse fuori dall’edificio scolastico, sia d’inverno che d’estate. I docenti sorseggiano il caffè e gli alunni si riposano all’aperto, in totale autonomia, perché “in grado di autogestirsi”, afferma il prof. Walker. 

Tim Walker racconta così la straordinaria esperienza vissuta, che ha cambiato radicalmente il suo metodo di insegnamento e il modo stesso in cui concepire la sua professione: “Durante la  mia prima settimana di insegnamento non riuscivo a capire e ad adattarmi a questa organizzazione. Programmavo lezioni consecutive in modo da dare ai miei alunni meno intervalli, ma più lunghi. Nel bel mezzo di una lezione uno dei miei allievi mi ha detto: “Sento che sto per scoppiare. Quand’è che facciamo l’intervallo?”. Questa frase ha segnato una svolta per me. Da quel momento ho cambiato il modo di organizzare le lezioni e ho cominciato a notare che gli studenti erano più freschi quando tornavano in classe dopo questi intervalli brevi ma frequenti. Gli intervalli aiutano i bambini a tenere il ritmo”. La sua testimonianza non fa altro che avallare i recenti dati OCSE secondo cui la Finlandia è il miglior stato europeo, ideale per viverci o intraprendere un corso di studi, che forma ogni anno i migliori 15enni d’Europa.

Matteo Branciamore non teme l’addio ai Cesaroni: “I fan seguiranno comunque me”

Martin Schulz e Matteo Renzi al Parlamento europeo

Matteo Renzi replica agli attacchi del Ppe: “l’Italia respinge l’arma del pregiudizio”