in

Scuola, iscrizioni online 2019/20: aperte le registrazioni sul sito del Miur, come inviare la domanda

Un tempo per iscrivere i figli a scuola bisognava uscire di casa, ora non più. Da qualche anno, infatti, le iscrizioni avvengono online. Tutto molto semplice, pratico. Nastri di partenza per l’anno scolastico 2019/20. Dalle ore 9 di questa mattina, è possibile iniziare il procedimento per registrarsi al portale dedicato alle iscrizioni on line per le classi prime di scuola primaria e secondaria di I e II grado. Dalle 8.00 del 7 gennaio fino alle 20.00 del 31 gennaio 2019 sarà possibile effettuare l’iscrizione vera e propria.

Come si legge in una nota del Miur «l’anticipo del periodo delle iscrizioni, rispetto agli anni scorsi, è una priorità fortemente voluta dal ministro Marco Bussetti e servirà a far partire prima la macchina delle operazioni necessarie a portare in cattedra tutti i docenti sin dall’inizio dell’anno scolastico!». La registrazione dovrà essere effettuata dal genitore o da chi esercita la responsabilità genitoriale. Chi si fosse già registrato nel corso dell’anno non dovrà replicare. Chi ha un’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) potrà accedere con le credenziali del gestore che rilasciato l’identità e può accedere al servizio a partire dal 7 gennaio 2019, senza registrazione preventiva. Le iscrizioni on line riguardano pure i corsi ai Centri di formazione professionale regionali delle regioni che hanno aderito alla procedura: Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto. Per le scuole dell’infanzia la procedura è rimasta cartacea. L’adesione delle scuole paritarie al sistema delle ‘Iscrizioni on line’ è invece facoltativa.

In vista delle iscrizioni all’anno scolastico 2019/20, il portale del MIUR Scuola in chiaro è diventato anche una web app. Scaricando un lettore di QR code su tablet e telefonini e leggendo il codice relativo all’istituto di loro interesse, le famiglie potranno conoscere maggiori dettagli sulle scuole italiane, come il numero di classi e degli allievi, o le attrezzature disponibili. Su Scuola in chiaro è poi possibile consultare il rapporto di autovalutazione di ciascuna scuola, con i dati di confronto dei risultati di apprendimento degli alunni tra scuole della stessa tipologia. Al presente link è possibile avere tutte le informazioni utili per inoltrare la domanda e avviare la pratica.

leggi anche l’articolo —> Scuola concorso insegnanti: come cambia il reclutamento docenti con la Legge di Bilancio 2019

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost e LuxGallery. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Benedetta Mazza mostra il seno su Instagram: una scollatura da far girar la testa! (FOTO)

Ambra Angiolini Instagram: la risposta ad una fan stupisce tutti