in , ,

Sean Penn film: 55 anni dell’attore e regista “maledetto e ribelle”

La cinematografia statunitense è stata costellata di attori definiti “belli e maledetti“. Dall’immenso Marlon Brando a Robert Mitchum, da Steve Mc Queen a James Dean. Questa particolare dinastia prosegue con la figura di Sean Penn, che pur non essendo il classico bello e perfetto, incarna meravigliosamente il ruolo del maledetto e ribelle (anche dal cuore, come ha detto Madonna, sua ex moglie, ieri, ndr). Cinquantacinque anni oggi, 17 agosto 2015, portati in maniera egregia, nato a Santa Monica, il poliedrico Sean per cinque volte è stato nominato all’Oscar come miglior attore protagonista, vincendo due volte con le interpretazioni straordinarie Mystic River (2004) e Milk (2009).

Sean Penn ha vinto anche l’Orso d’argento a Berlino con Dead man Walking a Cannes con She’s So Lovely e due volte la Coppa Volpi a Venezia con Bugie, baci, bambole e bastardi e 21 grammi. Ha iniziato a soli 14 anni la carriera d’attore partecipando ad un episodio televisivo della serie “La casa nella prateria.” L’esordio cinematografico nel 1981 in Squilli di rivolta e l’esplosione definitiva nel ruolo di violento e ribelle nel film Bad Boys del 1983, dove va ricordata una scena cruenta nel corso della quale Penn prese a colpire in faccia un “avversario” con un sacchetto pieno di lattine di Coca-Cola.

Dopo verranno a seguire negli anni film come Shangai Surprise, Non siamo angeli, Carlito’s Way dove indosserà i panni di un avvocato corrotto. Nel corso della carriera ha fatto anche il regista con Lupo solitario e Tre giorni per la verità. Si è da sempre schierato contro la guerra in Iraq e al momento sostiene il presidente Barack Obama. Nel 1985 ha sposato la cantante Madonna dalla quale si è separato quattro anni più tardi, poi, secondo matrimonio nel 1996 con l’attrice Robin Wright che gli ha dato due figli: Dylan Frances e Hopper jack, e si è separato nel 2007; dal 2013 ha intessuto una relazione con la modella e attrice Charlize Theron, finita un paio di mesi fa, ma delle pene d’amore non parliamone nel giorno del compleanno. “Il problema è che passiamo troppo velocemente dall’età in cui diciamo ‘farò così’ a quella in cui diremo ‘è andata così'”, Cheyenne_ Sean Penn in This Must Be the Place, di Paolo Sorrentino, Italia-Francia-Irlanda, 2011.

Urban Memories, testo di Isotta Esposito, gallery di Chiara Laura Mazzetti

Otamendi calciomercato Manchester City

Calciomercato, Manchester City scatenato: preso Otamendi a 40 milioni

roma mostra arte islamica

Mattarella, Quirinale: tagli agli alloggi di servizio, via i dipendenti non necessari