in

Sei stufo della censura su Facebook? Prova Paymeabit e puoi anche guadagnare

Stufo delle continue restrizioni delle maglie della censura su Facebook? Vuoi guadagnare dalla pubblicazione di status particolarmente brillanti, o di foto, video e articoli esclusivi? Dall’unione di queste due idee nasce Paymeabit, un nuovo social network che ha una caratteristica unica… Se ti piace uno status di qualcuno, col “Mi Piace” puoi premiarlo. Al posto del “Mi piace” si trova infatti il pulsante “+1 Bit” col quale puoi donare al post un “bit”. Per bit si intende un milionesimo di Bitcoin. Il valore di un Bitcoin oggi è pari a poco più di 600 €. Di conseguenza se ricevo 1000 bit, ho ricevuto una somma pari a 0,6 €.

censura su facebook

 

Nella homepage principale, nella schermata “New” vedrò i post in ordine cronologico, dal più recente al più vecchio. Nella schermata “Top” vedrò invece i post che hanno ricevuto più bit: si tratta di un sistema assolutamente neutrale rispetto ai contorti algoritmi di Facebook, che ormai discriminano la visibilità dei post in base anche a criteri ideologici. Ricordiamo che non più tardi di maggio di quest’anno, Facebook, Youtube, Twitter e Microsoft hanno dovuto firmare un accordo con l’Unione Europea in cui si impegnano a rimuovere entro 24 ore dalla pubblicazione i contenuti identificati sotto la vasta (e vaga) definizione chiamata “hate speech”.

Tornando a Paymeabit, chi ha ricevuto più bit si troverà più in alto in classifica. Come detto, è poi possibile scrivere articoli a pagamento: si può vedere pubblicamente il titolo, e se si vuol leggere l’articolo è necessario pagare una cifra, sempre in bit, decisa dall’autore. Questo tipo di approccio è destinato ad aumentare sempre di più gli spazi di libertà: immaginate un famoso giornalista, molto apprezzato dai lettori, che perde il posto al giornale dove scrive perchè le sue opinioni non sono più gradite all’editore. Potrebbe scrivere articoli a pagamento su una piattaforma del genere, che i suoi affezionati lettori possono continuare a leggere per una piccolissima frazione di €, e magari al tempo stesso smettendo di comprare il giornale su cui scriveva questo giornalista.

A loro volta questi articoli a pagamento saranno inseriti nella classifica “Top” in base a quanto hanno guadagnato, mentre nella schermata “Market” li vedrò ordinati in ordine cronologico. A breve si potranno inserire gallery e video visibili solo a pagamento. Nella Schermata “Groups” posso visitare i gruppi esistenti, entrarci, o crearne di miei. Sui gruppi è stata appena aggiunta una nuova funzionalità. Il creatore e gestore del gruppo può accordarsi con chi vuole pubblicare articoli e altro materiale a pagamento, per ricevere una percentuale dei bit guadagnati sui link pubblicati nel gruppo stesso. In questo modo, il lavoro del gestore del gruppo sarà di attrarre quanti più membri possibile nel gruppo, per fare in modo che i post pubblicati abbiano tanti lettori, e tanti bit, su cui come gestore del gruppo guadagnerà una percentuale.

Una curiosità è che Paymeabit è un’idea tutta italiana, anzi sarda, in cui è coinvolto anche Luigi Angotzi, che avevamo intervistato a proposito della residenza digitale estone, occasione in cui non aveva voluto rivelarci su quali progetti stesse lavorando, a parte il fatto che fossero legati alle cripto valute. Ad oggi questo nuovo social network, o “value network” come preferiscono chiamarlo i fondatori, è in piena fase di sviluppo: a breve sarà possibile integrarlo con i social esistenti, e man mano verranno implementate altre funzioni che non andiamo a rivelare, ma saranno di sicuro interesse per gli utenti. Intanto può essere interessante provarlo: gli utenti registrati hanno da poco superato i 200… vuoi essere uno dei primi a provare un “social” che può rivoluzionare tutto?

segni zodiacali

Oroscopo affinità segni zodiacali su WhatsApp: Acquario-Gemelli, comportamenti tipici da chat

chat whatsapp

WhatsApp web pc news: le chat non vengono eliminate definitivamente, ecco spiegato perché