in

Selcom: 770 posti di lavoro a rischio a Bologna e non solo

Sono ore molto calde quelle che la Selcom, azienda di Bologna che produce schede elettroniche e sistemi di automazione per clienti famosi come Tetrapak, Bosch e Toyota, sta vivendo. Sono ben 770 i posti di lavoro a rischio di cui 360 a Bologna, 110 a Palermo, 290 a Belluno e 10 a Milano. Durante un confronto richiesto dalla Fiom sulla situazione del gruppo, infatti, sono emersi problemi finanziari piuttosto seri.

L’azienda Selcom stessa avrebbe telefonato ai delegati sindacali dicendo: ‘A settembre non siamo in grado di pagare tutto lo stipendio, ai dipendenti verrà versato un anticipo di mille euro e poi il saldo dopo una settimana’. Di conseguenza, anche se nel primo semestre dell’anno c’è stato un miglioramento del conto economico, ciò non sarebbe sufficiente a garantire il futuro degli stabilimenti.

Ecco perché, secondo quanto fatto sapere da Fiom, adesso è ‘indispensabile l’impegno del governo, delle istituzioni, delle banche e di tutti i soggetti per provare a salvaguardare un patrimonio industriale, professionale, tecnologico e occupazionale‘. I 770 posti di lavoro attualmente in Selcom sono parecchio a rischio. I dipendenti attendono con ansia un responso il più definitivo possibile.

RIMANI AGGIORNATO SULLE ULTIME NEWS DI LAVORO CON URBANPOST

Castelli in Romania offerte in Europa per il 1° novembre 2016

Ponte 1° novembre 2016: dove andare? 3 offerte economiche in Europa per un viaggio unico

Paralimpiadi Rio 2016 programma gare

Paralimpiadi Rio 2016 programma gare 10 settembre: orario diretta tv e streaming gratis