in

Selfie con il cadavere del cliente: a Manchester escort incastrata da un post

MANCHESTER – Inchiodata dal selfie con il cadavere di un cliente postato su Facebook, la escort statunitense, Kirsty Edmondson, 23 anni, è stata arrestata insieme al suo protettore, Christopher Sawyers, 36 anni, con l’accusa di omicidio. È questa la scioccante notizia, che da qualche giorno, sta facendo il giro del web. La donna, a cui gli inquirenti sono arrivati grazie alla frenetica voglia della stessa di apparire sui social, dove, un autoscatto dal macabro contesto l’ha incastrata, si sarebbe difesa scaricando sul protettore la responsabilità dell’omicidio del cliente, un professore di 47 anni, Kenneth Chapman, morto per overdose.

selfie col cadavere

È accusata di omicidio colposo per aver somministrato alla vittima una dose letale di eroina durante il loro ultimo incontro a luci rosse. Lei, smentisce e si difende raccontando particolari agghiaccianti. Secondo la sua ricostruzione, infatti, sarebbe stato il protettore ad uccidere l’uomo, pugnalandolo ripetutamente con la siringa fino a causarne il decesso. Successivamente, l’aguzzino, approfittando della situazione, avrebbe derubato l’appartamento nel quale la escort si era intrattenuta con la vittima, di proprietà di quest’ultima, appunto. Dunque secondo le dichiarazioni rilasciate dalla escort, ella non sarebbe che il capro espiatorio dell’assassino protettore.

Dai particolari emersi, risulta un contesto assurdo e la dinamica del fatto è poco chiara, poiché i due accusati del delitto, entrambi in stato di arresto, continuano ad accusarsi l’un l’altro. Sawyers, ha dei precedenti penali per lo stesso tipo di reato, e nel caso risultasse, al di la di ogni ragionevole dubbio, confermata la sua responsabilità, ciò gli varrà come recidiva. Tuttavia, gli sviluppi della vicenda sono ancora indefiniti e, causa la confusione, per il crimine non vi è ancora un colpevole certo.

james rodriguez colombia ai quarti

Colombia-Uruguay 2-0 risultato finale, ottavi Mondiali 2014. Colombiani ai quarti col Brasile

Vi ricordate Michael J Fox? Nonostante il Parkinson stà bene e passa il tempo con il somigliantissimo figlio Sam