in

Selvaggia Lucarelli attacca Checco Zalone: “Uomo poco evoluto”

Ieri Checco Zalone è stato ospite al Festival della Tv, kermesse dedicata alla televisione e ai nuovi media, che si chiude oggi a Dogliani, nel cuneese. Tra battute, risate e applausi di un pubblico divertito e partecipe, ha ricostruito le tappe salienti delle sue tre esperienze cinematografiche record di incassi del cinema italiano, svelando, tra un’imitazione e l’altra, i più divertenti retroscena della sua carriera, in presenza del suo produttore Pietro Valsecchi e del il critico televisivo Aldo Grasso.Checco Zalone

Quando al comico pugliese è stato chiesto se qualche critica al suo ultimo film “Sole a catinelle” lo avesse infastidito, lui ha citato un commento che Selvaggia Lucarelli fece tempo fa alla sua pellicola e, sempre con quel fare ironico e ludico che lo caratterizza, parlando della blogger dalla penna arguta l’ha definita “Tettona che fa tv”.

La replica al veleno della Lucarelli non si è certo fatta attendere. Oggi nel suo profilo Facebook Selvaggia ha attaccato il comico pugliese, giudicando becera e sessista la definizione che ha dato di lei. Dopo aver ricostruito l’accaduto, ha scritto: “Alludeva a me e a un mio pezzo su Libero in cui dicevo che il suo ultimo film non era adatto ai figli di separati ( e comunque dicevo che mi era pure piaciuto) […] “La tettona che fa la tv.”. Quanta mestizia. Vorrei vederti a chiamare un critico o un giornalista uomo “quel ciccione o quel vecchio o quel culone che va in tv “. E non accade perché a un uomo poco evoluto la critica da una donna con le tette non va giù, la donna con le tette non scrive, va in tv. Allora io ti dico una cosa Checco: hai una figlia piccola. Mi auguro per te e per lei che se mai vorrà fare un mestiere splendido come quello di scrivere, possa essere giudicata sempre e solo per quello che scriverà , e non per la sua taglia di reggiseno …”.

Seguici sul nostro canale Telegram

i genitori non devono offendere le figlie

Se un genitore offende, le figlie possono aumentare i loro disturbi alimentari

Pelle umana riprodotta in laboratorio: sarà eticamente facile effettuare test