in

Selvaggia Lucarelli: un “carmelitasmack” a Barbara D’Urso per beffarsi di lei

Ennesima frecciatina per Barbara D’Urso da parte della tagliente Selvaggia Lucarelli, in questi giorni nel pieno dei festeggiamenti per aver vinto la causa legale contro la conduttrice. Da quando la procura di Roma ha dato ragione alla Lucarelli, ritenendo le sue dichiarazioni sulla D’Urso “non diffamatorie”, la giornalista non ha perso occasione per offrire lo smacco che Barbarella meritava e stavolta, a darle man forte, si è pure aggiunto Andrea Scanzi, anch’egli nel mirino della conduttrice di Canale 5!

selvaggia lucarelli barbara d'urso

“Miss Querela 2014”: è così che Selvaggia Lucarelli e Andrea Scanzi definiscono la D’Urso, che nell’ultimo anno è stata protagonista di numerose cause legale intentate a chiunque abbia osato proferire parola sul suo conto. E per concludere, i due giornalisti hanno scattato un selfie che li ritrae nella classica posa del “carmelitasmack“, il bacio che contraddistingue la maggior parte delle immagini di Barbara D’Urso sui social network. Insomma, oltre al danno, anche la beffa!

Chissà se anche stavolta le parole della Lucarelli causeranno una reazione da parte della conduttrice, come accaduto qualche mese nel corso del programma “Reputescion” di Andrea Scanzi, quando Selvaggia definì la D’Urso “un’arruffapopoli che cerca facili consensi con argomenti puramente demagogici”. Quelle parole costarono alla giornalista una causa per diffamazione, poi vinta da Selvaggia e dall’amico Andrea Scanzi e festeggiata “selvaggiamente” con continue dita nella piaga della povera D’Urso…

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

spacciatore hashish nelle mutande 2014

Parma, spacciatore nasconde hashish nelle mutande

morti bianche

Morti sul lavoro: due operai perdono la vita ad Aprilia in una cisterna