in ,

Seno troppo grosso, l’aiuto dalla chirurgia plastica: cos’è la riduzione e perché farla

Mentre il mondo della moda sembra voler dire addio al seno prosperoso, ci sono donne che ogni giorno combattono con un seno davvero troppo grosso che molto spesso le mette a disagio ma soprattutto può causare loro gravi problemi di salute ad esempio alla schiena. Come è possibile migliorare questa situazione? A venire in aiuto in questi casi può essere la chirurgia plastica e in particolare la riduzione del seno: cos’è e perché una donna dovrebbe affrontare questa operazione? A dare qualche risposta in più su questo intervento, sul quale ancora c’è troppa poca informazione, è l’Aicpe ovvero l’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica.

Secondo i dati dell’associazione, sono circa 5 mila le donne che ogni anno si sottopongono alla riduzione di un seno troppo grosso, dovuto a “fattori costituzionali, ormonali e anche a una predisposizione ereditaria” spiega Claudio Bernardi, tesoriere dell’Aicpe. Quali gli effetti più comuni di avere un seno troppo grosso? “Ci sono donne che hanno atteggiamenti posturali viziati, dovuti sia al peso delle mammelle, sia alla tendenza di nasconderle. Questo causa cifosi (gobba) o rotazioni (scoliosi) della colonna vertebrale e della gabbia toracica quando una mammella ‘pesa’ più dell’altra” chiarisce Bernardi che continua: “Le dimensioni delle mammelle spostano in avanti il baricentro della colonna vertebrale portando collo e spalle e sopportare un peso importante causa dolori, difetti di postura e anche problemi dermatologici come fenomeni irritativi della cute a livello del solco mammario”.

=> Qual è la taglia di seno ideale per gli uomini? Scopritelo qui!

Gli esperti dell’Aicpe inoltre spiegano che una volta terminato lo sviluppo, c’è già possibilità di effettuare l’intervento di riduzione del seno: più si aspetta infatti più potrebbero diventare gravi e permanenti i danni psicofisici. Tra i più evidenti benefici, oltre a quelli alla postura, ci sarebbero quelli psicologici: molte donne infatti a seguito dell’intervento non si vergognano più, indossano ciò che preferiscono senza il disagio di attirare sguardi indesiderati, sono più propense a fare attività fisica ma soprattutto diventano più sicure di se stesse, a livello sociale ma anche nella vita intima di coppia.

Certamente l’operazione non è di poco conto; la riduzione di un seno troppo grosso viene infatti effettuata in anestesia totale e solitamente la paziente è dimessa il giorno dopo l’intervento. Ovvio è che le cicatrici ci saranno per sempre ma il ‘nuovo’ seno sarà più proporzionato e sarà del tutto naturale: le donne che hanno effettuato l’operazione potranno allattare senza difficoltà. E’ possibile effettuare l’operazione a spese del Sistema Sanitario Nazionale solo ed esclusivamente se è possibile “accertare sia clinicamente sia con indagini strumentale che esistono disturbi funzionali importanti come danni alla colonna vertebrale”. 

Piacere sotto le lenzuola quante volte farlo a settimana

Piacere sotto le lenzuola: fare l’amore più di una volta a settimana non rende felici

Attacchi di panico le persone ansione vedono diversamente il mondo

Attacchi di panico: le persone ansiose percepiscono il mondo in modo diverso