in

Sensazionale scoperta: l’uomo deriva da un’unica specie

Fino ad oggi, si pensava che i progenitori degli attuali uomini provenissero da specie diverse di ominidi (come l’Homo habilis o l’Homo erectus). Invece, i diversi tratti somatici che contraddistinguono ciascuna di queste specie, sono stati ritrovati in un unico ominide scoperto lo scorso 2005 in Georgia.teschio di dmanisi

Si tratta di una scoperta sensazione che, di fatto, potrebbe cambiare tutta la storia sull’origine dell’Uomo, finora fatto discendere da diverse specie. L’artefice è il paleoantropologo David Lordkipanidze (del Museo Nazionale Georgiano di Tbilisi) i cui studi sono stati pubblicati, non senza scalpore, sull’autorevole rivista Science. La scoperta è stata possibile grazie al fatto che il teschio di Dmanisi (la località della Georgia dove è avvenuto il ritrovamento) è il fossile più completo finora rinvenuto. Ciò ha permesso di verificare come, in un’unica specie, erano presenti le stesse caratteristiche riscontrabili in altri ominidi provenienti anche da continenti diversi e in età geologiche differenti anche centinaia di migliaia di anni.

Il teschio di Dmanisi, in particolare, è datato intorno a 1,8 milioni di anni e si presenta con una scatola cranica molto ridotta, un viso allungato e denti decisamente più grandi dei nostri. In effetti, per fare un esempio, la mascella di Dmanisi è presente anche nell’Homo habilis. Nell’Homo erectus, invece, possiamo riscontrare la stessa arcata sopraccigliare del teschio georgiano.

Early Homo Skull Suggests a Single Species

Secondo Lordkipanidze, quindi, la differenza di alcuni tratti somatici, non indica la provenienza da diverse specie ma solo una diversità tra elementi di una stessa specie, in quanto se prendessimo cinque persone della nostra epoca (o perfino cinque scimpanzé) troveremmo tra queste una variazione nei tratti somatici che non è affatto inferiore a quella scoperta nell’ominide georgiano.

Insomma, con questa nuova scoperta, gli uomini dovrebbero sentirsi tutti un po’ più fratelli!

Seguici sul nostro canale Telegram

Diego Armando Maradona a “Che tempo che fa”: “De Laurentis non mi vuole alla guida del Napoli”

Siria: conferenza di pace Ginevra 2 il 23 novembre