in

Serena Mollicone uccisa fuori dalla Caserma? La difesa degli indagati spariglia le carte a poche ore dal possibile processo

Omicidio Serena Mollicone news: a 18 anni dal terribile delitto della ragazzina di Arce, avvenuto nel giugno 2001, potrebbe iniziare il processo a carico dei cinque indagati: l‘ex maresciallo dei carabinieri Franco Mottola, sua moglie Annamaria e il figlio Marco sospettati di omicidio volontario. Il luogotenente Vincenzo Quatrale, indagato per concorso in omicidio volontario, e il carabiniere Francesco Suprano che invece risponde di favoreggiamento in omicidio volontario. Serena Mollicone secondo l’accusa sarebbe stata picchiata selvaggiamente in Caserma, dove era andata a denunciare uno spaccio di droga che avveniva in paese, e abbandonata agonizzante nel boschetto di Anitrella dove venne rinvenuta pochi giorni dopo la misteriosa scomparsa. Tuttavia a pochi giorni dalla udienza preliminare in cui il Gup deciderà se avviare il processo, attraverso un comunicato ufficiale i difensori dell’ex maresciallo Franco Mottola, della la moglie e del figlio, hanno respinto pubbicamamente le accuse sostenendo che Serena Mollicone non sarebbe stata uccisa in caserma ma altrove, ed altri soggetti sarebbero i veri responsabili della sua morte.

caso arce news omicidio serena mollicone

“Nel corso della conferenza stampa, l’avvocato Francesco Germani ed il criminologo consulente tecnico Carmelo Lavorino hanno confutato l’ipotesi accusatoria della Procura sostenendo che Serena non è morta sbattendo la testa contro una porta interna della caserma. Questo perché, hanno sostenuto, l’altezza della ferita di Serena non corrisponde a quella della rottura della porta, che sarebbe più in alto di circa dieci centimetri” (Fonte Radiocassinostereo.com). I veri responsabili sarebbero stati indicati tempo addietro dai difensori dei Mottola agli inquirenti senza che tuttavia le loro parole siano state reputate fondate, evidentemente. La prova dell’innocenza della famiglia Mottola, a detta della difesa, sarebbe contenuta nelle carte stesse del fascicolo di inchiesta.

Fiducioso, invece, il papà di Serena che mai in questi anni ha cessato di combattere per arrivare alla verità sull’omicidio della figlia. “Ora siamo sulla soglia di un possibile processo. Siamo arrivati a buon punto”, così l’avvocato Dario De Santis, difensore del signor Guglielmo Mollicone, “L’indagine è enorme, sono quasi quaranta faldoni e venti perizie. A diciotto anni dal brutale omicidio della ragazza, mercoledì prossimo si terrà l’udienza preliminare del caso davanti al gup di Cassino”.

Potrebbe interessarti anche: Serena Mollicone news, sconvolgente indiscrezione sul cadavere: “Spariti alcuni organi”

Anna Falchi Instagram, a seno nudo affacciata alla finestra mentre piove: bollente malinconia (FOTO)

Il Santo del giorno 12 Novembre: San Giosafat Kuncewycz