in ,

Sergio Mattarella, discorso insediamento: priorità a riforme costituzionali e tutela unità nazionale

Il neo Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha pronunciato il suo discorso di insediamento in Parlamento, davanti alle Camere riunite. Applausi scroscianti dell’Aula hanno interrotto con frequenza le sue toccanti parole: “L’arbitro dev’essere – e sarà – imparziale”, ha dichiarato il Capo dello Stato.

Un discorso incentrato sui temi del lavoro, della doverosa responsibilità delle istituzioni di tutelare l’unità nazionale che “rischia di essere difficile, fragile, lontana”, in quanto messa a dura prova dalla crisi economica protrattasi ormai ogni oltre limite di sopportazione, che mortifica migliaia di giovani (e non solo) nel nostro Paese. Il nuovo Presidente ha inoltre ribadito l’impellente necessità di portare avanti il già iniziato percorso di riforme costituzionali e il dovere delle istituzioni di mantenere una costante vicinanza al popolo.

Ancora, Sergio Mattarella ha ricordato la tragica vicenda giudiziaria che da 3 anni vede coinvolti i fucilieri di Marina, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, confinati in India. Il neo Presidente ha condannato il terrorismo internazionale, ha sottolineato l’importanza dell’onere e l’onore della sua carica. Si è dichiarato arbitro imparziale garante della Costituzione. Il suo discorso è durato 31 minuti, intervallato da un applauso unanime che lo ha interrotto per ben 42 volte, e conclusosi alle 10,35 con le parole: “Viva la Repubblica, Viva l’Italia!”.

 

 

Carnevale Venezia 2015 feste eventi musica Arsenale

Carnevale Venezia 2015: feste ed eventi per chi vuole festeggiare in musica

Tokyo città più sicura al mondo

Città sicure nel mondo: ecco la top ten del 2015