in

Sergio Rubini: età, peso, altezza, vita privata e carriera dell’attore de “La Strada di Casa 2”

Tra i protagonisti della seconda stagione de La strada di casa ci sarà, oltre ad Alessio Boni e Lucrezia Lante della Rovere, Sergio Rubini. 59 anni, alto 178 cm per un peso di 70 kg, questi è uno dei volti più amati del cinema italiano. Attore, regista, ma anche sceneggiatore, Sergio Rubini ha recitato in molti film di successo come Manuale d’amore, Commedia sexy e Moschettieri del re.

Sergio Rubini: età, peso, altezza, vita privata e carriera dell’attore de “La Strada di Casa 2”

Figlio di un capostazione originario di Gravina in Puglia, Sergio Rubini è nato a Grumo Appula, un paese in provincia di Bari. Dopo aver conseguito il diploma al Liceo Scientifico Federico II di Altamura, nel 1978 si è trasferito a Roma per frequentare l’Accademia nazionale d’arte drammatica. Due anni dopo la decisione di lasciarla. Appassionato di musica e teatro, ha lavorato sin da giovane con importanti registi come Antonio Calenda, Gabriele Lavia, Enzo Siciliano ed Ennio Coltorti. L’esordio sul grande schermo nel 1985 col film Figlio mio infinitamente caro, a cui seguono nel corso di un anno Desiderando Giulia e Il caso Moro. Due anni dopo interpreta Federico Fellini da giovane nella pellicola Intervista, una parte che assolutamente non si aspettava, nonostante il duro lavoro per prepararsi al provino. Il primo ruolo da protagonista arriva nell’opera prima di Giuseppe Piccioni, Il grande Blek (1987). La vera svolta nel 1989 quando incontra l’autore e sceneggiatore Umberto Marino, con cui inizierà un lungo sodalizio artistico.

Attore, regista e sceneggiatore

Nel 1990 Sergio Rubini ha esordito come regista con La stazione, film tratto da un’opera teatrale proprio di Marino con cui vince come miglior film alla Settimana Internazionale della Critica al Festival di Venezia. Non è che l’inizio, seguono La bionda (1993), la commedia Prestazione straordinaria (1994), sul tema delle molestie sessuali, Il viaggio della sposa (1997), Tutto l’amore che c’è (2000). E ancora L’anima gemella (2002), L’amore ritorna (2004), La terra (2006), Colpo d’occhio (2008), L’uomo nero (2009), Mi rifaccio vivo (2013) e Dobbiamo parlare (2015). La carriera da regista non oscura quella da attore: Rubini ha recitato in Al lupo, al lupo di Carlo Verdone nel 1993, Una pura formalità (1994) di Giuseppe Tornatore, Manuale d’amore 1-2 (2005-2007) diretto da Giovanni Veronesi. Altrettanto indimenticabili, benché di scarso successo al botteghino, le partecipazioni a Qualunquemente (2011) di Giulio Manfredonia e Che strano chiamarsi Federico (2013) di Ettore Scola. Da diversi anni, Sergio Rubini è docente di recitazione cinematografica presso l’Accademia nazionale d’arte drammatica. Per la tv ha recitato ne Il conte di Montecristo, Sacco e Vanzetti, La baronessa di Castiglione e La strada di casa.

La vita privata di Sergio Rubini

Sentimentalmente è stato legato all’attrice romana Margherita Buy, conosciuta proprio in accademia. I due si sono separati agli inizi degli anni Novanta. Al momento Sergio Rubini legato alla sceneggiatrice Carla Cavalluzzi. Nonostante una differenza d’età notevole – parliamo di 18 anni! – la coppia condivide molte passioni: il cinema, i viaggi e la stessa terra d’origine.

leggi anche —> Lucrezia Lante della Rovere: età, peso, altezza, carriera e vita privata della famosa attrice

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Connessione Internet lenta? 4 possibili cause

Brancaleone, incidente sulla Strada Statale 106: ennesima vittima sulla “strada della morte”