Vai al contenuto
Home » Calcio » Serie A, Milan: la conferenza stampa di Clarence Seedorf

Serie A, Milan: la conferenza stampa di Clarence Seedorf

25/03/2014 13:30

Viglia di Campionato per il Milan che domani farà visita ad una squadra come la Fiorentina che insegue ancora il prestigioso traguardo della Champions League. In conferenza stampa, come di consueto, parla l’allenatore rossonero Clarence Seedorf, dopo le ultime voci che hanno visto la sua panchina in bilico. Di seguito i passaggi più importanti ripresi da TuttoMercatoWeb.com.

Sul momento personale –Se rispondo divento filosofico… Ho una filosofia di vita che mi consente di vivere anche momenti di difficoltà e stress con equilibrio. Non mi fa piacere leggere o sentire certe cose, sono un essere umano; però ho costruito la mia vita con questi aspetti e sono sempre stato vincente. Mi alzo presto, faccio otto ore al giorno a Milanello per preparare la squadra al meglio e per portare a casa i risultati. Non mancherà mai il mio impegno ma ora cerchiamo i risultati“.

Italia

Su Balotelli – “Dal primo giorno ho dato attenzioni a tutti i giocatori ed in modo diretto l’ho fatto anche con lui. Trasparente, chiara, cerco di capire le esigenze di ognuno. Con Balotelli ho fatto altrettanto: qualcuno le chiama coccole, io la chiamo gestione di un atleta e con lui sono esigente. Lui è un punto di riferimento mediatico, ma non ci sono differenze nel mio approccio anche se i modi devono cambiare da persona a persona“.

Sul Clasico e il calcio italiano –Sono due modi diversi di interpretare il calcio. Il Clasico è il Clasico da sempre, ma come Milan-Juventus, Milan-Inter. E’ spettacolare anche il nostro calcio, i nostri derby. Il nostro Calcio è di ‘Serie B’? Il calcio italiano è rispettato nel mondo, è un punto di riferimento per tutti: noi italiani sappiamo cosa migliorare. La crisi incide anche nel calcio, su stadi nuovi ed investimenti per esempio“.