in

Shameless 4 anticipazioni, i Gallagher in rivolta come i Forconi

Finzione e realtà: sarà labile il confine tra le due cose nella nuova stagione di “Shameless”, la serie tv con protagonisti i Gallagher alle prese con la crisi economica e il disagio, in onda dal 10 gennaio Oltreoceano e dal 7 aprile su Joi di Mediaset Premium. Il malcontento non ha confini, tanto che l’attuale movimento e protesta dei “Forconi” in Italia sembra aver trovato libero sfogo in questa serie tv, dove i protagonisti si trasformano in anarchici agguerriti contro le ingiustizie dello Stato…

shameless 4

Già la locandina della quarta stagione di “Shameless” sembra parlare chiaro ed anticipare quanto di folle verrà trasmesso: i Gallagher sono a capo di una protesta, sul cui sfondo campeggiano due bandiere americane. A guidare la famiglia, nella loro vita fittizia e nella protesta, è la sorella maggiore Fiona, interpretata da Emmy Rossum, che sfoga la sua rabbia in un urlo liberatorio. Al seguito gli altri Gallagher, armati e pronti a tutto pur di rivendicare i propri diritti.

Anche lo slogan non lascia dubbi: “This ain’t Tea Party” (Questo non è un Tea Party), fa riferimento al movimento di protesta, nato negli Usa nel 2009, contro la legge di stabilità approvata da Bush nel 2008, contro la legge di recupero e reinvestimento del 2009, ed infine contro la riforma sanitaria di Obama. Nella locandina di “Shameless” si notano poi due molotov pronte al lancio. Che la protesta sia pronta a diventare una rivolta?

Seguici sul nostro canale Telegram

Serie tv: Arrow è la più vista del 2013, chiude la top ten “CSI”

Maigret mostra Pintér Milano

Da Maigret a Poirot, i disegni di Pintér in mostra a Milano