in

Shazam supera i 100 milioni di utenti attivi: nuovi investimenti delle case discografiche

Probabilmente avete già sentito parlare di Shazam, l’applicazione che permette di riconoscere in pochi secondi i brani musicali ascoltati in macchina  qualche minuto prima. Shazam è un servizio che permette l’identificazione musicale attraverso il microfono incorporato all’interno di un telefono cellulare in grado di catturare un campione di una canzone in riproduzione.

shazam in borsa nel 2014

Da qualche giorno l’app ha segnato un record non indifferente, ha infatti superato la quota di cento milioni di utenti attivi e oltre cinquecento milioni di download.
Si tratta di cifre sbalorditive che sembrano voler ancora crescere: già nell’ultimo anno è stato registrato un forte incremento di circa il 34%.
Una buona notizia per gli sviluppatori del software che già nel 2002, anno di nascita dell’applicazione, hanno ricevuto numerosi finanziamenti da parte prima del magnate sudamericano Carlos Slim e, recentemente, da alcune delle più importanti case discografiche del mondo, quali la Warner Music, la Universal e la Sony.

Ma sembra che le novità non siano finite qui. L’attuale Ceo Rich Riley, in una delle sue ultime apparizioni, ha dichiarato: “Sono fiducioso che Shazam sarà in grado di quotarsi in Borsa nei prossimi anni perché ha un marchio forte, una base di utenti e un modello di business che funziona“.
L’app punta sempre più in alto e presto, grazie alle partnership con le case discografiche, potrà fondare un’etichetta dedicata ai musicisti emergenti, inglobare nel range ricoperto anche gli eventi dal vivo e la radio.

Adriano Celentano INTRUSI IN CASA

Ice Bucket Challenge, Adriano Celentano aderisce: secchiata ghiacciata a suon di chitarra

ACF Fiorentina

Calciomercato Fiorentina news: ultimatum per Stambouli, dita incrociate per Rossi e Cristiano Piccini in partenza