in ,

Shia LaBeouf arrestato: l’attore in manette per le proteste anti-Trump

Costa cara la protesta anti-Trump a Shia LaBeouf. L’attore americano, infatti, è stato arrestato nella giornata di ieri. Shia LaBeouf  stazionava di fronte al Museum of the Moving Image, nel Queens, dall’insediamento di Trump, cantando “Non ci dividerà”, come parte di un progetto di arte condivisa con il pubblico da portare avanti a oltranza, anche in streaming via Internet, quando sarebbe stato avvicinato da un ragazzo di 25 anni che gli avrebbe detto: “Hitler non ha fatto niente di male.”

—> TUTTO SUL MONDO DEL CINEMA

Shia LaBeouf l’avrebbe allora strattonato e spinto, facendolo cadere a terra. L’attore è stato successivamente rilasciato. LaBeouf ha detto all’Associated Press che la performance non è anti-Trump ma “anti-divisiva”.

—> IL MURO DI DONALD TRUMP

Shia LaBeouf, in passato, è già stato arrestato tre volte (l’ultima risaliva al 2015), con quella di mercoledì siamo a quota 4. A riportare la storia è TMZ che racconta come il protagonista di Transformers stesse partecipando a New York alla manifestazione di protesta ideata dall’attore stesso #HeWillNotDivideUs.

Shia LaBeouf

—> LE ULTIME NOTIZIE CON URBANPOST

iphone 8 vs samsung galaxy s8

Samsung Galaxy S8 vs iPhone 8 prezzo, uscita e scheda tecnica: svelato il nuovo top di gamma della casa sud coreana

Crystal Palace – Manchester City probabili formazioni e ultime news, sedicesimi di finale FA Cup