in

Si è spenta Shirley Temple, “l’enfant prodige” di Hollywood (Video)

L’America perde la sua “enfant prodige” per antonomasia. Si è spenta, all’età di 85 anni circondata dai suoi cari nella sua casa di Woodside, in California, l’attrice Shirley Temple che negli anni ‘30 aveva portato sullo schermo una miriade di personaggi di bambine dotate di acume e saggezza impressionanti per la loro età. Shirley Temple2

Era nata nel ’28 a Santa Monica ed è sempre stata soprannominata “Riccioli d’oro per la sua bionda e riccioluta capigliatura. Da adulta era diventata ambasciatrice e aveva usato il nome da sposata Shirley Temple Black. Tra i film interpretati nel periodo degli anni ’30 va ricordato “La mascotte dell’aeroporto” che le fruttò un Oscar giovanile inventato apposta per lei e fu la salvezza della Fox che nel ’34, al culmine della Grande Depressione, era sull’orlo della bancarotta. L’industria di Hollywood elesse Shirley come uno degli antidoti alla Grande Depressione per la  capacità d’iniettare allegria ed ottimismo negli americani alle prese con la drammatica crisi economica. Questo ruolo le venne riconosciuto anche dal Presidente Roosevelt che affermò: “Finchè il nostro Paese avrà Shirley Temple noi staremo bene.” Per quattro anni consecutivi fu la star più pagata di Hollywood con 20000 dollari la settimana. Non aveva rivali e ha superato persino Greta Garbo mentre guadagnava, in assoluto, più di lei solo Cary Grant.

Alla fine degli anni ’40 decide di ritirarsi, in maniera definitiva, dai set. Nella sua carriera cinematografica Shirley ha avuto, al suo fianco, una vera e propria parata di stelle. Dimenticato il cinema si risposa con l’uomo d’affari californiano Charles Black, dopo il fallimento del matrimonio con Agar. Si dedica alla politica candidandosi al Congresso degli USA per il Partito Repubblicano nel ’67 e seguiranno diversi incarichi diplomatici: sarà  sarà rappresentante degli Usa all’Onu dal 1969 al 1970, e ambasciatore in Ghana (1974) e Cecoslovacchia (1989). La Temple ha fatto parte di diversi consigli di amministrazione di alcune grandi società tra cui la Walt Disney Company e ha avuto vari incarichi no-profit.

 

 

 

 

Serie A, Milan: Seedorf non è in discussione, anche se…

LAZIO

Lazio, Minala: risponde su Twitter ai dubbi, sospetti ed illazioni sulla sua età