in

Si è spento il maestro Armando Trovajoli

Trovajoli, classe 1916, è considerato uno dei più grandi musicisti del secolo scorso. Inizia la sua carriera musicale come violinista, diplomandosi al Conservatorio Santa Cecilia a Roma subito dopo la fine della guerra, dopo una lunga esperienza nell’orchestra di Rocco Grasso.
Negli anni ’50 inizia a collaborare per la Radio RAI e partecipa ad eventiimportanti tra cui il Festival di San Remo del 1953, arrangiando la canzone vincitrice “Viale d’autunno”. Negli anni ’50 inizia la sua carriera nel cinema che lo vedrà produrre colonne sonore per oltre 300 film. E’ Dino De Laurentis il primo a chiamarlo per “Anna” di Alberto Lattuada. Collabora poi con star del calibro di Anna Magnani e Sophia Laura, per la quale scrive “Che m’è mparato a ffà”. Il 1961 è l’anno del suo grande successo “Roma nun fa’ la stupida stasera”, scritta per Nino Manfredi e Lea Massari, poi ancora altri brani in Romanesco celeberrimi come “Ciumachella de’ trastevere”, interpretata da Lando Fiorini ed anche “Nun je da’ retta, Roma” cantata da Gigi Proietti nel 1973.

Grande pianista e lavoratore instancabile, Trovajoli ebbe un grande successo anche all’estero, collaborando con jazzisti di fama globale come George Gershwin, Django Reinhardt, Miles Davis e Louis Armstrong ed è uno dei principali creatori della cosiddetta commedia musicale, dove collaborò a lungo con Garinei e Giovannini, e del musical Italiano, suo il successo di “aggiungi un posto a tavola”, che vedeva tra gli interpreti Jonny Dorelli.

La carriera musicale di Armando Trovajoli è incredibile ed è sempre legata al fascino di Roma. Città natale dove Trovajoli si è spento oggi, rispettando il suo carattere schivo ed introverso.
Trovajoli si era sposato con l’attrice Anna Maria Pierangeli nel 1962, dalla quale aveva avuto il figlio Howard Andrea. Nel 1968 però si è rispostato con Mariapaola che gli è rimasta a suo fianco fino alla fine.

Seguici sul nostro canale Telegram

Alla ricerca del lavoro perduto

Morto Armando Trovajoli: il grande compositore aveva 95 anni