in

Sicilia, madre disoccupata faceva prostituire i figli: arrestata

È l’ennesima storia di degrado, di orrore senza fine. Perché la mamma dovrebbe essere un porto sicuro, l’unica di cui potersi fidare ciecamente. In Sicilia è stata arrestata ieri una donna, una disoccupata di 43 anni di Siracusa. L’accusa? Faceva prostituire i suoi tre figli.

Li faceva prostituire per denaro, soldi, rovinando loro la vita per sempre. I bambini all’epoca delle violenze sessuali, che sarebbero avvenute nel 2014 talvolta nella casa stessa della donna altre volte in garage e nellʼottobre 2016, quando le vittime erano state sottratte alla potestà genitoriale, avevano soltanto 3,4 e 7 anni. Il giudice di Catania non ha avuto dubbi: ha fatto arrestare la donna e il complice di lei, il consuocero di 46 anni, con l’accusa di «induzione alla prostituzione minorile». Assieme a loro è finito in carcere un carabiniere, che all’epoca dei fatti era in servizio presso la stazione del comune di residenza della donna e dei bambini e altri due uomini. Per loro l’accusa è di violenza aggravata su minori. Del carabiniere è stato rivelato il nome: Mario Schiavone di 41 anni.

Sono stati proprio i bambini a trovare la forza di denunciare quanto stava succedendo. I bambini ne hanno parlato, infatti, con gli assistenti sociali quando questi avevano già deciso di toglierli a quella che formalmente era la loro famiglia. Già solo in apparenza, perché purtroppo quella donna, che avrebbe dovuto proteggerli da tutto e tutti, si è rivelata la stessa carnefice dei suoi figli. La denuncia è stata fatta dagli operatori della casa famiglia in cui si trovavano due dei bambini, il terzo si trovava, infatti, già in affido. In questo caso l’opinione pubblica, quella stessa gente, che aveva apostrofato come «povera» la donna soltanto perché era «una madre» a cui erano stati portati via i figli, dovrebbe indignarsi e magnificare l’operato degli assistenti sociali. Senza di loro forse l’incubo di questi tre bambini non avrebbe avuto fine.

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Meteo prossime ore, ancora maltempo: ecco dove pioverà di più

Roma bambina muore cadendo dal sesto piano, i genitori: «Non ci siamo accorti di nulla, stavamo dormendo!»