in

Sicurezza Milano, la Lega Nord fa marcia indietro sulle ronde

E’ una vera e propria marcia indietro quella della Lega Nord sulle ronde per la sicurezza a Milano. Sull’onda emotiva dei tragici fatti di Niguarda dello scorso sabato, era infatti riemersa l’ipotesi di organizzare pattuglie di cittadini per la vigilanza di quartiere. Ma questa mattina, ai microfoni di Radio Popolare, è arrivata l’autorevole smentita del segretario lombardo Matteo Salvini.

Matteo Salvini

“Le ronde non sono la soluzione e non abbiamo alcuna intenzione di promuoverle
– ha detto Salvini – Certo se i cittadini, nonni, mamme, genitori, si organizzano per la sicurezza del proprio quartiere non saremo noi ad opporci”. Poi l’invito al Sindaco di Milano Pisapia a far lavorare diversamente gli agenti della Polizia Locale: “I vigili devono tornare a fare prevenzione sul territorio, non solo multe”, ha detto Salvini.

Niente ronde quindi, che in un clima incandescente come l’attuale potrebbero peggiorare ulteriormente la situazione di tensione che già vivono i quartieri più degradati. E anche sui pattugliamenti dell’esercito Salvini è parso piuttosto scettico. Il segretario della Lega Lombarda ha invece confermato la raccolta di firme contro i clandestini, che si terrà in Lombardia, Piemonte e Veneto. “I clandestini danneggiano anche gli immigrati regolari, che a Milano sono oltre 300 mila, lavorano e sono integrati”, ha detto.

amici 2013

Amici 2013 anticipazioni, Eleonora Abbagnato: “Non ricordo nessun ballerino delle passate edizioni”

Trend primavera estate 2013: torna di moda il bianco e nero