in ,

Siena Anna Durio, lo sfogo è virale e il web ‘esulta’: “Come Malesani e Trapattoni” [VIDEO]

Qualche giorno fa il web ha scoperto un nuovo fenomeno virale dal mondo calcistico. Si tratta del presidente del Siena Calcio, Anna Durio, che non ha digerito le critiche, troppo pesanti, dopo la partita di Lega Pro con la Cremonese. In poche ore il video è diventato tra i più diffusi del web. E sui social ha ricordato i celebri sfoghi di Alberto Malesani e il Trap (“Strunz!”), così come tanti altri sfoghi post-gara che spesso passano dalla sfera locale a quella nazionale per i toni forti.

—> Tutto sul mondo del calcio con UrbanPost

Anna Durio ha così commentato in sala stampa:  “Questa sera la faccia ce la metto io, probabilmente qualcuno vorrà sentirsi dire che la Durio si è stufata, ma questo non succederà mai. Sono stanca, è un anno che lotto ma continuerò a lottare. Pero’ non ho mai mandato a quel paese qualcuno, ne’ ho offeso qualcuno e non accetto più provocazioni da persone che paventano il bene e la senesità ed invece vogliono solamente dei soldi. Non mollerò e Siena non perderà la Durio: stasera avremmo fatto ridere, se non ci fosse stata la Durio avremmo pianto, e Siena avrebbe pianto.

—> Le ultime news con UrbanPost

I miei collaboratori non si toccano e lo ripeto, mi piego finchè volete ma non mi spezzerò mai. Io sono qua per fare dei fatti non dei comunicati, da quando sono a Siena pero’ non ho avuto un attimo di serenità. A questo punto non accetto più insulti da nessuno, accetto tutte le contestazioni di questo mondo ma non gli insulti. Nel Siena ho messo dei soldi veri, ne’ di una banca ne’ di nessun altro, ho messo soldi di famiglia, di sudore della famiglia: credo di meritarmi un po’ di rispetto. Noi siamo una squadra, dalla presidente a tutti i collaboratori”.

Chi ha incastrato Peter Pan

Avanti Un Altro 2017 puntata serale: quando va in onda e cosa cambia? Paolo Bonolis e il suo annuncio

pietra ligure ragazza uccisa

Omicidio Pietra Ligure: Janira massacrata a coltellate dall’ex “perché non volevo che partisse per lavoro”