in ,

Silvio Berlusconi come De Magistris, l’ex premier ai suoi avvocati: “Liberatemi”

Silvio Berlusconi chiede lo stesso trattamento ricevuto da Luigi De Magistris, di nuovo sindaco di Napoli da ieri, dopo che il Tar della Campania ha accolto il suo ricorso contro il provvedimento preso dal Prefetto di Napoli, che lo rimosse dalla carica di primo cittadino. Così, sulla falsa riga del sindaco del capoluogo campano, l’ex Cavaliere – stando a fonti a lui vicine – avrebbe chiesto a gran voce ai suoi avvocati, Ghedini e Longo: “Liberatemi, come De Magistris!”.Luigi De Magistris Legge Severino

Berlusconi, quindi, spera di poter sfruttare il ‘caso de Magistris’ a suo favore, aggirando la Legge Severino per l’applicazione della quale è stato estromesso dal Parlamento per sei anni, dopo la condanna Mediaset. Entrambi i condannati, infatti, benché in situazioni diverse, si appellano ai medesimi principi di fondo, che riguardano la retroattività. La succitata legge, infatti, prevede un provvedimento definitivo, la decadenza, per condanna definitiva, e uno provvisorio, la sospensione, per una condanna passata in giudicato.

Perciò, così come De Magistris ha sempre sostenuto – a ragione, vista la sentenza del Tar – di essere stato eletto quando la legge Severino non c’era, allo stesso modo Silvio Berlusconi ha sempre sostenuto che nei suoi confronti non poteva intervenire una decadenza da senatore per atti compiuti prima che la medesima legge entrasse in vigore.

stefano cucchi tutti assolti

Stefano Cucchi sentenza: tutti assolti

Vasco Rossi Modena Park 2017 scaletta

Vasco Rossi: presentazione di “Sono innocente”, l’album che uscirà il 4 novembre