in

Silvio Berlusconi intervista al QN: “Lega, molla Di Maio o sarai abbandonata”

“O la Lega abbandonerà questo governo, oppure gli elettori abbandoneranno la Lega”. La previsione arriva dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, secondo il quale “il consenso degli elettori moderati non può rimanere a lungo a chi permette di realizzare politiche della peggiore sinistra”. E sottolinea che, invece, “noi non ci siamo mossi di un millimetro dalla linea di centrodestra” presentata in campagna elettorale. Invece, sottolinea Berlusconi in un’intervista al Quotidiano Nazionale, c’è “chi ha scelto di fare un governo nel quale tutti i temi – tranne l’immigrazione – sono appaltati ai grillini, sessantottini in ritardo, che cercano di attuare confuse politiche di sinistra, oltre che del tutto inadeguati a governare”.sondaggi elettorali 13 maggio 2018

la

E spiega che “non c’è un solo tema nel quale la politica statalista, anti industriale, profondamente illiberale dei 5 Stelle non caratterizzi l’ azione del governo: penso al decreto Dignità, al paventato blocco dell’ Alta Velocità Ferroviaria, agli ostacoli alla Tap – il gasdotto adriatico fondamentale per la sicurezza energetica del Paese – alla minacciata chiusura dell’Ilva, alla ri-nazionalizzazione di Alitalia, per non parlare della politica fiscale e di quella giudiziaria”. Per quanto invece riguarda l’immigrazione, il leader di Forza Italia sostiene che il Paese non sia e non possa diventare razzista: “il razzismo per fortuna è estraneo alla nostra cultura e alla nostra civiltà”, anche se “episodi come quello che ha colpito Daisy Osakue sono gravi”. Quel che è certo è che sui migranti il “lassismo degli anni della sinistra” richiedeva “una correzione di rotta molto ferma”. Ma se senza dubbio “non bisogna permettere a tutti di venire in Italia”, ciò non deve annullare “i principi di umanità che sono dentro di noi e fanno parte della nostra cultura europea liberale e cristiana”. E non a caso “con un’ accorta politica estera, il nostro governo aveva azzerato gli sbarchi”.

Sul decreto Dignità di Di Maio, Berlusconi dice di non aspettarsi nulla, spera che “Salvini ascolti le ragioni delle imprese e dei lavoratori, delle categorie professionali, degli artigiani e dei commercianti. Distruggere il lavoro fa parte delle follie ideologiche di certa sinistra, e quindi non mi meraviglio che lo faccia Di Maio, ma non può essere avallato da chi si definisce di centro-destra ed è in Parlamento con i voti degli elettori di centro-destra”.

Napoli

De Laurentiis Bari acquisto: pronta l’offerta? Ecco i dettagli e la concorrenza da battere

Personale Ata 2018

Personale Ata 2018, immissioni in ruolo: ecco i posti disponibili