in ,

Silvio Berlusconi, processo Ruby, la difesa: “Intercettazioni inutilizzabili”

Appello del processo Ruby per Silvio Berlusconi. Oggi la sua difesa è chiamata alle arringhe. Gli avvocati dell’ex presidente del Consiglio dei Ministri puntano a rendere inutilizzabili le intercettazioni. Queste sono il cuore del processo, ma secondo i legati Franco Coppi e Filippo Dinacci sarebbero state utilizzate in maniera impropria: per identificare le ragazze all’interno delle residenze di Silvio Berlusconi.

ultime notizie berlusconi

In altre parole, le intercettazioni sarebbero servite all’accusa per dire che le ragazze (tra le quali Riby) si trovavano ad una certa ora, un certo giorno a Villa San Martino ad Arcore, oppure a Palazzo Grazioli a Roma. Ma il loro scopo, sempre secondo gli avvocati di Berlusconi, non sarebbe questo. Inoltre, i legali della difesa, hanno spiegato alla corte che il Cavaliere non avrebbe commesso il reato di concussione. La sua telefonata in questura la notte dell’arresto di Ruby sarebbe stata solo una richiesta di informazioni fatta in qualità di presidente del Consiglio dei Ministri.

La sentenza del processo della corte d’Appello di Milano è attesa per Venerdì, oppure, al più tardi, appena dopo la pauesa estiva. Il processo non è a rischio prescrizioene nonostante in quasi certo ricorso in Cassazione. La sentenza definitiva è prevista per l’estate 2015. Silvio Berlusconi rischia 7 anni di reclusione.

criminalità organizzata milano sequestri

Milano, criminalità organizzata: sequestri di immobili e società per due professionisti

utlime notizie calciomercato

Brasile, Leonardo per il rilancio, ma non in panchina