in

Silvio Berlusconi, rivelazioni piccanti: «Me ne facevo sei per notte, adesso…»

Ospite a Quarta Repubblica, Silvio Berlusconi è in vena di confessioni hot. Incalzato dal conduttore Nicola Porro, il presidente – notoriamente ironico – si lascia andare ad esternazioni piccanti che suscitano l’ilarità del pubblico. In una parentesi leggera tra i temi affrontati in ambito elezioni europee, Silvio Berlusconi non si tira indietro sull’argomento ‘bunga bunga’, tanto che in un fuorionda si mostra scatenato e senza freni.

Silvio Berlusconi, “Non ci crederete”

“Me ne facevo sei per notte. – afferma l’ex premier Silvio Berlusconi, rivolgendosi al pubblico presente in studio – Adesso non ci crederete… Dopo la terza mi addormento”. Il presidente non è dunque cambiato, neanche i recenti problemi di salute gli hanno fatto perdere quello spirito per la battuta che lo ha sempre defilato da situazioni imbarazzanti. Poi Berlusconi ha ribadito che la questione delle olgettine e la storia del ‘bunga bunga’ non erano altro che una barzelletta.

Silvio Berlusconi, confessioni bollenti: “Cosa fa all’una di notte?”

Il siparietto ‘hot’ di Silvio Berlusconi, però, non si ferma. Ad infiammare lo studio ci pensa il padrone di casa, Nicola Porro, che – provocatorio o meno – chiede: “Presidente, lei all’una e mezza di notte cosa fa?”. Pronta la risposta di Berlusconi che non si fa sfuggire l’occasione per un’altra battuta: “La prima delle tre”, chiosa immediatamente. Poi, facendosi più serio – ma non senza riservare qualche frecciatina ai ‘rivali’, spiega: “La sera, quando sono stanco di vedere sempre le facce di Salvini e di Di Maio, guardo le aste di quadri. E quando vedo uno che può entrare nella mia collezione chiamo e lo compro. L’arte è fondamentale, ristora lo spirito ed è bello guardare cose belle”.

Leggi anche —> Europee 2019, Tajani (Forza Italia): «Noi guardiamo alla volontà del popolo italiano»

Michele Bravi: «Dopo l’incidente non ho parlato per mesi, ora sto tornando alla realtà!»

Costantino Vitagliano tradì Alessandra Pierelli: «Non era vero amore»