in

Simona Ventura: «Il mio tallone d’Achille? Lo stress. Ecco cosa faccio per tenerlo a bada…»

La grande novità della quarta stagione de Il Collegio è Simona Ventura, che va a sostituire Giancarlo Magalli. Una buona occasione di riscatto per la nota conduttrice, che deve incassare la debacle, in termini di dati auditel, della sua La Domenica Ventura, format calcistico di Raidue, che non riesce ad andare oltre il 4% di share. Come rimedierà la 54enne? Beh, in un’intervista di qualche tempo fa rilasciata a Ok-Salute e Benessere Simona Ventura ha svelato cosa fa per tenere a bada il suo nemico numero uno: lo stress.

Simona Ventura: «Il mio tallone d’Achille? Lo stress. Ecco cosa faccio per tenerlo a bada…»

«Senza voler passare per vittimista, posso a buon diritto affermare che il mio tallone d’Achille è lo stress. Immagino già le proteste di alcuni lettori che obietteranno: ma come? La Ventura stressata? Lei che sorride sempre in tv, impossibile! La verità è che non sono un’eroina dei fumetti, e la Supersimo è prima di tutto una donna. E una mamma. E una compagna. E una lavoratrice. Bastano questi quattro ruoli per capire che la quotidianità non è proprio una passeggiata!», ha esordito Simona Ventura, che ha poi spiegato: «Nonostante io sia una privilegiata, perché posso contare sull’appoggio di persone fidate, mi sento di inserirmi a pieno titolo nel gruppo di quelle donne che a un certo punto dicono tra di loro: ‘Non ce la faccio più’. O, più che dirlo, lo digitano e lo condividono… Già: a proposito di social network, mi sono resa conto che lo smartphone è diventato un elemento di forte stress, sempre appiccicato come se fosse un animale da compagnia o il prolungamento di un arto. Lo utilizzo per lavoro, per tenere attiva la pagina di Instagram, ma mi assorbe molto tempo ed energie. E finisce anche per procurarmi qualche contrattura muscolare, specie nella zona del collo!». Ad “Ok-Salute e Benessere” però l’ex di Stefano Bettatini ha precisato di non essere una schiava del cellulare e ha confidato i suoi modi per rifocillarsi.

«Il piatto forte del mio menù antistress, quello che meglio ritempra corpo e mente, è lo yoga al caldo, o hot yoga…»

«Per disintossicarci un po’, in famiglia abbiamo deciso di mettere da parte i telefonini durante i momenti a tavola. Sembra impossibile, ma stiamo riuscendo a fare a meno del mondo social per qualche ora… Recuperare i ritmi blandi della vita quotidiana, come lo stare seduti insieme a tavola, mi aiuta moltissimo ad allontanare le tensioni nervose. L’altra attività domestica che ha su di me uno straordinario effetto antistress è fare il cambio di stagione degli abiti. (…) È come se mettessi ordine nel caos generato dal tran tran quotidiano!», ha detto Simona Ventura, che ha trovato un vero alleato nell’hot yoga: «Il piatto forte del mio menù antistress, quello che meglio ritempra corpo e mente, è lo yoga al caldo, o hot yoga. Questa variante della classica disciplina indiana mi piace particolarmente perché, praticata a una temperatura di circa 40 gradi, consente di sudare maggiormente ed eliminare le tossine dal corpo. Il calore, inoltre, consente di sciogliere i muscoli con maggiore facilità, evitando possibili strappi!». 

leggi anche l’articolo —> Simona Ventura Instagram, la foto degli anni ’80 è pazzesca: «Sempre bellissima!»

(Profilo Instagram Simona Ventura) 

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Martina Stella Instagram, i micro shorts non coprono i glutei: «Sei un capolavoro!» (FOTO)

Antonella Fiordelisi Instagram, sensuale e provocante: «Hai dimenticato il reggiseno a casa»