in ,

Simone Camilli: le spoglie del giornalista stasera in Italia con un aereo di Stato

La salma di Simone Camilli, il videoreporter italiano ucciso a Gaza durante il disinnesco di alcuni ordigni inesplosi, è stata trasferita dalla Striscia di Gaza, all’ospedale Sant Joseph a pochi passsi dal Consolato Italiano a Gerusalemme. La tregua ha permesso che le spoglie del giornalista potessero dalle zone devastate dai combattimenti di Gaza, attraverso il valico di Erez che ,tante volte, da vivo Simone Camilli aveva percorso.

Pierluigi Camilli padre di Simone si è recato in Issrele per riportare indietro la salma del figlio

Simone era figlio di Pierluigi Camilli, direttore delle testate giornalistiche della Scuola di giornalismo Suor Orsola Benincasa di Napoli e anche ex conduttore del Tg1 ed ex vicedirettore vicario del Tgr Rai, oltre che sindaco di Pitigliano in provincia di Grosseto. Appresa la notizia Pierluigi Camilli insieme alla moglie è subito partito per Gerusalemme dove è giunto stamattina e da dove ripartirà oggi pomeriggio con un volo di Stato per riportare in Italia la salma del figlio, dove ad attenderlo ci saranno la sua compagna e la figlioletta di tre anni.

Dal 2005 attraverso la sua telecamera, Simone Camilli ha cercato di raccontare la storia con la forza delle immagini, da zone martoriate come il Libano, Israele e la Striscia di Gaza. Ha dato alle televisioni occidentali la possibilità di conoscere le lotte intestine in territori dove la parola d’obbligo era: guardarsi le spalle. Le ultime immagini dell’Associated Press lo ritraggono tra le macerie di Gaza che sembravano in apparenze sicure e che invece si sono rivelate una trappola mortale per il coraggioso e sfortunato videoreporter italiano.

ultime notizie cina

Incredibile in Cina: Hangzhou, fiume straripa e onda anomala si abbatte sui passanti

50 libri da leggere nella vita

I 50 libri da leggere almeno una volta nella vita