in

Sindrome di Pinocchio: la sindrome da bugia

Quante bugie diciamo in in giorno? Alcuni tante, altri troppe, altri solo poche e, spesso, a fin di bene. Eppure tre psicologi dell‘Università di Granada hanno scoperto la sindrome di Pinocchio, detta così perchè colpisce proprio coloro che dicono una bugia. Per chi, insomma, ha sempre creduto che ci sono persone che sanno mentire così bene da non essere mai e poi mai scoperti, sappiate che non è così. Usando la particolare tecnica della termografia, infatti, che colora con tonalità differenti diverse parti di un corpo a seconda della sua temperatura, si è scoperto che in realtà nel momento in cui un soggetto dice una bugia si registra una variazione di calore al naso e al muscolo orbitale. Tale cambiamento di temperatura, invece, non si verifica quando la persona comunica notizie vere e, dunque, quando non mente.

bugia

Quanto alle bugie, i detti in materia sono tanti, come quello che recita: “una bugia al giorno, toglie i problemi di torno”. Probabilmente è vero, ma quando le bugie, parola degli esperti, sono circa duecento al giorno, tra grandi e piccole, i problemi, anzichè sparire, aumentano. Secondo una particolare ricerca condotta in America le aziende mentirebbero così spesso per guadagno da creare un circolo di menzogne, che comporta un danno economico di circa quattro milioni di dollari all’anno.

Gli psicologi, però, non sembrano estremizzare tale condizione umana della menzogna e, anzi, affermano che la bugia fa parte dell’uomo ed è spesso una scelta consapevole dello stesso, tanto che anche di fronte alla verità egli si ostina a negarla. Tuttavia, non c’è bisogno di allarmarsi: la realtà è troppe volte scomoda e rende il soggetto infelice, così che una bugia può rendere le cose più semplici e più sopportabili. Insomma, nonostante il surriscaldarsi del naso, forse è vero che a volte una bugia spazza via qualche problema.

Seguici sul nostro canale Telegram

Emozioni animali: sono sensibili e anche coscienti

Colazione abbondante allontana diabete e obesità