in ,

Siria, Assad: il piano segreto della Nato, “ancora sei mesi e poi l’esilio”

Assad sì, Assad no. Sono passati quattro anni dall’inizio del conflitto in Siria, una guerra civile in cui l’occidente ha provato ad interferire, cercando di prevalere sulle forze politiche interne. Assad no. Quattro anni fa gli Stati Uniti erano pronti a dare piena man forte ai ribelli siriani per deporre il presidente in carica Bashar al – Assad. Oggi, con l’avanzare dell’Isis, e l’intervento della Russia le potenze europee auspicano ad una prova di forza del presidente siriano sullo Stato Islamico le cui azioni hanno scosso tutto il medio oriente: Assad sì.

Il tira e molla dell’occidente in merito alla questione siriana potrebbe essere finalmente giunto ad una fine. La Turchia, importante pedina politica in gioco negli equilibri della lotta all’Isis e del conflitto siriano, e importante potenza Nato ha dato il suo benestare ad “una strategia d’uscita” per l’eterno nemico sciita. “Stiamo lavorando ad un piano per la partenza di Assad… accettiamo che possa rimanere al potere altri sei mesi, sarà una garanzia della sua effettiva partenza”. Queste le dichiarazioni rilasciate da una fonte anonima all’agenzia di stampa Reuters. Una decisione che con ogni probabilità, nel caso fosse attuata, porterebbe al sicuro esilio di Assad e della sua famiglia.

La proposta sarà presentata dagli Stati Uniti alla Russia, ma non è ancora ben chiaro quando questi “sei mesi” inizieranno. Ciò che è chiaro è che le grandi potenze occidentali continuano a fare il buono e il cattivo tempo in medio oriente. Ma la posizione di Assad a riguardo è ben chiara. In un’intervista rilasciata alla tv iraniana lo scorso 4 ottobre ha dichiarato che “non sta agli ufficiali stranieri decidere il futuro della Siria, incluso qualsiasi periodo di transizione politica”. Ha poi continuato:” Il futuro sistema politico, e chi governerà la Siria, è una decisione che spetta al popolo siriano. Ecco perchè queste affermazioni non ci riguardano”.

pullman bayern monaco

Bayern Monaco, il pullman urta un auto nel tragitto verso l’Emirates: Guardiola su tutte le furie

Dinamo Zagabria - Olympiakos

Dinamo – Olympiakos Diretta Live Champions League, risultato finale: 0-1