in ,

Siria, bambina di 4 anni scambia la fotocamera per un’arma e si arrende al fotografo

La foto di questa bambina siriana sta facendo il giro del mondo ed è desinata a diventare un’immagine simbolo della guerra civile in Siria. La bimba si chiama Hudea e aveva appena quattro anni quando si trovava con la mamma e i fratellini nel campo profughi allestito ad Atmeh. Trovatasi davanti all’obiettivo del fotografo Osman Sağırli con l’espressione del viso angosciata ha alzato le mani in segno di resa.

La foto che ritrae la piccola è stata condivisa su Facebook dalla giornalista Nadia AbuShaban e in poche ore è stata condivisa da oltre 15.000 internauti. Poi si è scatenata la caccia all’autore dello scatto. Si è così scoperto che la foto è stata scattata da Osman Sağırli nel dicembre del 2014 ed è stata pubblicata per la prima volta dal quotidiano turco Türkiye a gennaio 2015, testata per la quale Sağırli lavora da 25 anni.

Rintracciato dalla BBC Osman Sağırli ha spiegato: “Pensava che le sparassi. Avevo una macchina fotografica con un teleobiettivo ingombrante e la piccola, scambiandolo per un’arma, ha alzato le mani in segno di resa”, ha spiegato Osman Sağırli. L’immagine sintetizza tutto l’orrore della guerra civile in Siria, secondo i dati del Syrian Observatory For Human Rigts, il conflitto ha causato la morte di 76.000 persone di cui più di 3.500 bambini

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Pasqua 2105

Pasqua 2015 con bambini: hotel a Gardaland, Mirabilandia ed altri parchi divertimenti

Infortunio Gervinho

Roma news, guai per Garcia: Gervinho salta il Napoli, Ibarbo scalpita