in ,

Siria raid su ospedali: feriti sbalzati dai letti con flebo in vena

Distruzione, macchinari danneggiati, camici insanguinati, vetri frantumati e sale letteralmente sventrate: raccontano questo le immagini che arrivo dalla Siria, dove ieri una serie di bombardamenti hanno colpito tre ospedali e due scuole, facendo strage. Almeno 50 morti e scambi di accuse reciproche tra Russia e Turchia, questo il risultato

Le immagini dell’inferno arrivano dagli ospedali di Ma’arat al Numan, sito a 280 chilometri a nord di Damasco e gestito da Medici Senza Frontiere, e di Azaz, tra Aleppo e il confine turco, zona ancora contesa tra Assad e i ribelli: corpi dilaniati, macerie, feriti sbalzati dai letti con le flebo ancora in vena. E i soccorritori, uccisi di altri raid sopraggiunti pochi minuti dopo.

Raccontano al Corriere della Sera i dirigenti di Msf che “si è trattato di un’azione deliberata. I piloti degli aerei che hanno sparato, molto presumibilmente russi o dell’aviazione fedele a Bashar Assad, visto che sono loro ad operare nella Siria settentrionale controllata dalle milizie ribelli, avevano ordini specifici in merito”: bombardare.

Perché “se fosse stato un errore non sarebbe arrivato il secondo lancio di missili”, spiegano. La situazione in Siria è drammatica: ora almeno altri 40.000 civili restano privi di assistenza medica, dopo la distruzione causata ieri dai raid russi (benché Mosca smentisca di aver colpito gli spedali) e governativi, e cresce il rischio di epidemie tra i profughi.

Dura condanna ai raid è arrivata anche dagli Stati Uniti:  Susan Rice, consigliera per la Sicurezza nazionale della Casa Bianca, ha lanciato il suo monito contro i bombardamenti sul nord della Siria che ieri, lunedì 15 febbraio, hanno colpito ospedali e scuole, sottolineando come questi attacchi “contrastino con gli impegni presi per un cessate il fuoco a Monaco di Baviera”.

UEFA Champions League facebook 16 feb

Programmi Tv stasera, 16 Febbraio 2016: Champions League PSG-Chelsea e DiMartedì

Mario Balotelli Cina

Milan: Balotelli spreca l’occasione di Miha, ennesima sfuriata del tecnico