in ,

Sisa, la ‘droga dei poveri’ che arriva dalla Grecia: è allarme

In Grecia l’hanno chiamata “metanfetamina dei poveri”, una droga letale, dagli effetti devastanti, ottenuta con l’acido delle batterie, con il sale, con lo shampoo e con l’olio del motore. In questi anni di profonda crisi economica, da cui la Grecia è uscita a pezzi, il numero dei tossicodipendenti è aumentato in maniera esponenziale.Sisa

In una Nazione che soccombe, l’evasione dalla realtà passa anche dalle droghe, dall’uso di sostanze stupefacenti come via di fuga dalla povertà estrema. Quando però i soldi a disposizione scarseggiano, purtroppo la situazione è resa ancora più grave dall’assunzione di droghe ‘low cost’, ottenute dalla sintesi di elementi di riciclo, di basso costo che quindi le rendono ancora più pericolose di quelle comunemente in circolo come cocaina, eroina, ecstasy e simili . E siccome al peggio non c’è mai fine, ultimamente si sta diffondendo tra i giovani la Sisa, la ‘droga dei poveri’ che offre lo “sballo” a pochi euro. Lo stupefacente è di larga diffusione in Grecia, lì dove la crisi ha portato povertà, ma l’allarme è rivolto all’Europa tutta.

Charalampos Poulopoulos, direttore di Kethea, un’organizzazione che si dedica al recupero dei tossicodipendenti, spiega a Vice Grecia che “Dopo la Krokodil, sviluppata in Siberia e i sali da bagno, che ha letteralmente spopolato negli Stati Uniti e in Canada, ora bisognerà fare i conti anche con la Sisa, una nuova, letale, pericolosissima droga killer”.

Seguici sul nostro canale Telegram

domenica in

Domenica In anticipazioni ed ospiti: Sabrina Ferilli, Gabriele Cirilli e Amadeus

Paolo e Christian Maldini

Milan: il club manda Christian Maldini, figlio di Paolo in prestito al Brescia (Video)