in

Sistemi salvavita per anziani che vivono da soli

Molti di noi hanno un nonno o una nonna o anche un padre e una madre anziani. Nella maggior parte dei casi, l’ultima età coincide con la solitudine e per cause a noi avverse, come ad esempio gli impegni lavorativi, non riusciamo a stargli vicino tutto il giorno. Ecco che in nostro soccorso può arrivare la tecnologia Beghelli con il nuovo sistema salvavita.

Il sistema Salvavita Beghelli non è solo uno strumento di ultima generazione, ma anche un supporto necessario per tutte quelle persone anziane che vivono in casa da sole e, in caso di emergenza anche critica, non hanno la possibilità di chiedere fisicamente aiuto, di chiamare telefonicamente l’ambulanza o, più banalmente, un vicino di casa in grado di aiutarli. Pensate, ad esempio, a un uomo o una donna molto anziani, con difficoltà a camminare e muoversi in maniera fluida o, ancora, a chi ha problemi di cuore e non può fare movimenti e sforzi bruschi. Quando l’infarto colpisce, non lascia molto spazio al pensiero. In questo caso, un dispositivo rapido e subito efficace è la soluzione più sicura. Un tempo non era possibile avere questa possibilità, ma la comunicazione ha fatto passi da gigante e con lei anche l’azienda Beghelli che ha sfruttato le ultime ricerche nel campo delle telecomunicazioni per aiutare chi ne ha più bisogno.

Pensate in quanti secondi l’aspettativa di vita di una persona possa ridursi a zero, anche a causa di un banale incidente. Una persona anziana è ancora più a rischio, in quanto i suoi riflessi sono rallentati dallo scorrere del tempo. Questo dispositivo di ultima uscita, in particolare, è stato concepito sia per effettuare chiamate di emergenza, sia per inviare messaggi di allarme: quest’ultima dotazione è garantita grazie all’integrazione opzionale con pratici sensori dedicati alla protezione ambientale. Con il telecomando, la persona anziana in pericolo può inviare una richiesta d’aiuto in pochi secondi sia ai famigliari, sia al Centro SOS Beghelli, attivo a ogni ora del giorno e per tutto l’anno. La tecnologia può salvare la vita e questo prodotto è uno dei pochi oggi in circolazione in grado di poterlo fare.

Williams Finale

Tennis Roland Garros 2016: Serena Williams contro Muguruza per la finale

ictus ischemico terapia

Ictus ischemico, terapia a base di staminali: iniezioni nel cervello per recuperare le funzioni perse