in

Siti e app Android e iOS 8 marzo: Auguri Festa della donna su iPhone, WhatsApp, Facebook e Twitter con una mimosa ‘virtuale’

La festa dedicata a tutte le donne è finalmente arrivata. Oggi, domenica 8 marzo vogliamo festeggiare insieme a voi e consigliarvi delle app, frasi, auguri, sms da utilizzare con i vostri contatti femminili su WhatsApp, Facebook, Twitter per rendere ancora più speciale questa ricorrenza. Eccole!

1Cartoline.it: il primo sito da segnalare è sicuramente quello di cartoline.it dove per l’occasione un’intera sezione è dedicata alle cartoline virtuali da inviare via email alle vostre amiche donne per la festa delle donne.

2Auguri Festa della Donna WA: applicazione Android per fare gli auguri a tutte le donne, ragazze, compagne, amanti, mamme e nonne della vostra vita per l’8 marzo su WhatsApp con una mimosa virtuale. Si tratta di un’app che contiene immagini accompagnate da una speciale dedica d’auguri anche per altre occasioni come compleanni, anniversari, mesiversari con frasi romantiche e cartoline piene d’amore e d’amicizia.

3Donne carte giornaliere: simile all’app appena citata poco sopra basta scegliere un biglietto ‘Festa della Donna’, scegliere una frase adatta e aggiungere la propria firma virtuale. Dopo che è stata creata l’immagine può essere salvata nel formato preferito (.jpg o .png) ed essere spedita su FB, G +, Twitter, Instagram e su qualsiasi altro social.

4 –  Calendario da Donna: il ‘Woman Calendar‘, per Windows Phone, aiuta a monitorare temperatura, peso, oltre a sintomi e stati d’animo. Nell’app sono disponibili ulteriori funzioni per registrare dati sul vostro stato di salute.

5Brindisi e complimenti: oltre 5000 congratulazioni e brindisi. Da utilizzare con le amiche mentre si è fuori insieme, al ristorante, in discoteca per augurare buona festa della donna a tutti i contatti femminili su WhatsApp, Facebook, Twitter.

festa delle donne 2015

Festa delle donne 2015: ricette veloci, originali, facili e belle per stupirla

Donne e lavoro in Italia

Donne e lavoro: più istruite, mal pagate o disoccupate pronte a lasciare l’Italia