in ,

Siviglia: arrestati i fratelli Bergantinos, falsari dell’arte

Una storia che pare una sceneggiatura, iniziata tra le strade dei Manhattan e finita in un hotel di lusso a Siviglia. E’ la parabola dei fratelli Bergantinos, falsari dell’arte che hanno ingannato mezzo mondo, tra cui una casa d’aste. I due sono stati traditi dall’amante del capo banda, alias Glafira Rosales.

pollock a palazzo reale

Negli anni 80 i fratelli Bergantinos stavano passeggiando per New York e hanno visto all’opera un pittore cinese. Un vagabondo che però col pennello ci sapeva fare. Allora si sono guardati e l’hanno ingaggiato. Un garage, tele, colori e 200 dollari a quadro. Però, l’artista cinese Pei-Shen Qian doveva riprodurre esattamente i quadri dei pittori Rothko, Pollock e Motherwell. Poi ci pensavano i fratelli a mettere le firme e falsificare perfettamente le opere. La dama Glafira ci aggiungeva il colpo di genio milionario.

La donna ha messo in mezzo la casa d’aste Knoedler che ha battuto decine e decine delle opere dei Bergantinos. I soldi hanno iniziato ad entrare a palate e i nomi dei truffati erano sempre più di spicco. Tra loro anche Domenico del Sole, il presidentissimo di Gucci. Poi, però, la Knoedler è fallita e le autorità hanno sbocconcellato tra le carte. Piano piano il castello di carte è crollato. L’FBI ha preso in mano il caso ed ha bussato alla porta dell’anello debole della catena. Glafira Rosales. Storia finita. Presto nei migliori cinema.

photo credit: Mantissa.ca via photopin cc

Amici 13 puntata 3 maggio

Amici 13 anticipazioni puntata 3 maggio: Matteo Renzi ospite da Maria De Filippi

Belen a Venezia

Belen in visita ai Quartieri Spagnoli di Napoli: la folla impazzisce