in

SLA, in futuro una cura con le staminali?

Non si può ancora dire che ci sia una vera e propria cura contro la Sclerosi laterale amiotrofica (Sla), ma oggi è stato compiuto un grande passo in avanti, targato Italia. Si è infatti conclusa oggi la prima fase della sperimentazione dei primi 18 trapianti di cellule staminali cerebrali su malati di Sla, con i primi risultati positivi. Questa prima fase aveva come scopo quello di verificare la sicurezza del trattamento per i pazienti, che avevano subito un trapianto di cellule staminali cerebrali umane prelevate da feti abortiti spontaneamente.

L’equipe medica, condotta dal professor Angelo Vescovi, ha confermato la sicurezza del trattamento, oltre al beneficio neurologico che si è avuto in tre pazienti. Non sono infatti stati rilevate gravi controindicazioni, e dunque è possibile andare avanti nella ricerca. La nuova fase, questa più direttamente tesa a stabilire l’efficacia della probabile cura, partirà nel 2016 e sarà condotta su un’ottantina di pazienti.

Si tratta dunque, ha dichiarato Angelo Vescovi, di risultati “eccellenti”, anche se “è ancora presto per poter parlare di una ‘cura’ contro la Sla e sono necessarie ulteriori conferme“. La nuova fase di questa importante ricerca verrà presentata il prossimo 29 settembre al Palazzo S. Callisto di Roma. Un secondo passo atteso dai 3500 italiani colpiti dalla Sla.

Mostre Milano 2015, Gioielli di gusto

Mostre Milano 2015: Gioielli di gusto, quando moda e cibo si intrecciano

The Kolors nuovo singolo, The Kolors Why don't you love me, Why don't you love me video

The Kolors nuovo singolo, è online il video di “Why don’t you love me”