in ,

Valanga in Alto Adige: morti sei escursionisti

Un’escursione che si è trasformata in tragedia. Siamo a quota 3358 metri sul livello del mare, un gruppo di appassionati sta percorrendo la strada per la cima del Monte Nevoso. Una mattinata serena, senza nuvole. Ma improvvisamente il cambio del tempo: il cielo si fa scuro. A questo punto la tragedia. Dal lato della montagna si stacca un listone di neve. L’impatto è stato letale per sei sciatori. Tra le vittime anche un ragazzo di 16 anni e una donna di 32. E’ la prima volta che in questo tratto di Alpi succede una tragedia di tale portata.

Secondo gli esperti alla base del disastro c’è l’accumulo di neve. Troppa in questi giorni perché potesse essere ben compatta e reggere alla forza di gravità. Nessuna possibilità di fuga per gli alpinisti, il luogo dove si trovavano al momento dell’impatto era inevitabilmente una trappola. A confermare l’inesorabilità dell’evento è Hans Berger, senatore della Svp.

La tragedia sarebbe potuta essere ancora più grande se alcuni dei 15 escursionisti non fossero riusciti a “galleggiare” sulla valanga. I superstiti sono stati trasportati in un albergo vicino. Sono provati, ma sotto costante controllo medico e psicologico. Intanto a Bormio (Sondrio), oltre quota 2.000, c’è stata un’altra valanga, fortunatamente senza conseguenze.

Davide Astori

Udinese – Roma: ora diretta tv, streaming gratis Serie A

BARI SEQUESTRATO BAMBINO DI 2 ANNI

Napoli, anziano sgozzato in macchina: fermato un giovane