in

Smartphone e tablet prima di dormire non causano l’insonnia

Smartphone , tablet e pc usati prima di dormire provocano davvero l’insonnia? Secondo una ricerca condotta dal noto Journal of Sleep Research, non dipenderebbe da questo. Se nelle precedenti ricerche e i dogmi finora trasmessi si affermava che i devices causassero problemi e difficoltà ad addormentarsi, lo studio condotto di recente smentirebbe tutto questo.

insonnia smartphone e tablet

Analizzato un campione di 900 studenti che utilizza, poco prima di andare a dormire, dispositivi elettronici, è stato appurato che i problemi ad addormentarsi precederebbero l’uso di smartphone e tablet. Se avete già questi problemi evitate di usare, prima di addormentarvi, i devices e la tv. La lettura di un libro vi concilierà il sonno. Le pagine dei libri non sono infatti in grado di influenzare il vostro processo sonno-veglia.

Derk-Jan Dijk, editore del Journal of Sleep Research afferma: «Numerosi studi hanno individuato il nesso fra insonnia e uso dei tablet a letto sia per adolescenti sia per gli adulti. Ma cosa viene prima? L’uso dei media o l’insonnia? Per la prima volta gli psicologi della Brock University hanno condotto una corposa ricerca che, a sorpresa, pare scagionare la tecnologia perché i problemi di insonnia precedono l’uso esagerato di questi strumenti. In futuro ci aspettiamo ricerche più precise, randomizzate e che includano anche gli effetti della luce emessa dai tablet sul meccanismo della veglia».

Vincenzo Nibali crisi matrimoniale

Vincenzo Nibali, sua moglie confessa: “Prima del tour stavamo per separarci”

Marco Pantani riapertura indagini

Caso Pantani, parla il legale della famiglia: “Sarà indagine lunga e complessa”