in

Smartphone: quanto li usate? Gli studenti universitari dalle 8 alle 10 ore al giorno

Il cellulare è diventato il prolungamento del vostro braccio? Siete in grande compagnia. I ricercatori della Baylor University hanno pubblicato, sul Journal of Behavioral Addictions, l’esito di un recente studio che mostra quanto tempo gli studenti universitari trascorrano a fissare gli schermi dei loro smartphone. Se iniziavamo già a sospettare che la dipendenza da questi dispositivi non fosse più soltanto una probabilità, ora ne siamo pressoché certi. Una vecchia ricerca aveva già dimostrato che 1 ragazza su 5 lo preferirebbe di gran lunga all’amicizia.

amicizia contro smartphone

Ma mediamente quanto vengono usati e come? Le studentesse universitarie lo utilizzerebbero per 10 ore al giorno circa per inviare sms e conoscere nuove persone mentre i ragazzi per due ore in meno (8 ore) trascorrendo gran parte delle ore nei social network. Molti hanno riferito che quando non hanno a portata di mano il loro telefono si sentono più irritabili. I ricercatori hanno scoperto che, spesso, il cellulare viene usato per ignorare situazioni sociali. A chi non sarà mai capitato di evitare una persona facendo finta di simulare una telefonata? Questo stratagemma e “meccanismo di fuga” ormai viene messo in scena troppo spesso.

I devices vengono altresì utilizzati nei tempo libero. Perché al posto di utilizzarli costantemente non portate dietro un libro da leggere durante la pausa? No, non vi crederanno dei secchioni. Se già studiate all’università si presume che siate abbastanza studiosi. James Roberts, uno dei ricercatori dello studio e professore di marketing alla Baylor University crede che “i giovani debbano essere più consapevoli dell’uso improprio che fanno del telefono.”

Marianna di Martino e Ginevra Elkann

Mostra del Cinema di Venezia 2014, red carpet: look geometrico, Arianna Di Martino vs. Ginevra Elkann, chi ha la meglio?

Bracciali elastici potenzialmente cancerogeni

Braccialetti elastici potenzialmente cancerogeni: la Gran Bretagna dà l’allarme