in

Snapchat, dai vip alla Casa Bianca: l’app si arricchisce di contatti prestigiosi

Snapchat è un servizio di messaggistica istantanea per smartphone e tablet famoso in tutto il mondo, soprattutto negli Stati Uniti. Se appartenete alla generazione degli anni ’80 molto difficilmente capirete di cosa stiamo parlando, se invece non superate i vent’anni sicuramente avrete capito di cosa si tratta.

Per i più grandi forse è il caso di ricredersi perché l’applicazione in questione conta più di 100 milioni di utenti in tutto il mondo. Quindi non solo teenagers ma anche media quali CNN, National Graphic, Vice e ora persino la Casa Bianca.
Ci sono oltre 100 milioni di utenti attivi ogni giorno su Snapchat e, oltre il 60% degli utenti americani di età compresa tra i 13 e i 34 anni. Alla luce del numero di americani che usa il servizio per condividere notizie da condividere con gli amici, la Casa Bianca entra in Snapchat per affrontare questa larga fetta della popolazione in modi nuovi e creativi. Domani, la nostra storia ufficiale vi porterà dietro le quinte di Stato della Casa Bianca dei preparativi dell’Unione, con filmati e scorci di vita che non troverete da nessun’altra parte.” – ha scritto sul blog ufficiale della Casa Bianca, il digital strategist Joshua Miller.

Ma quali sono le funzionalità di Snapchat? L’app è stata ideata cinque anni fa da due studenti di Standford, Bobby Murphy e Evan Spiegel. La particolarità del servizio messo a disposizione sta nella possibilità di inviare video e foto della durata impostata dallo stesso mittente del messaggio.
Tra le opzioni sono disponibili anche gli Snaps e i Live, che ricreano una sorta di diario online visibile per un giornata intera sul profilo dell’utente che li ha caricati.
Ieri, 11 gennaio 2015, il tema più seguito e postato è stato quello legato alla morte del cantante inglese David Bowie.
Come ha scritto Miller “per sintonizzare cercare la Casa Bianca su Snapchat aggiungendo “WhiteHouse” come un amico o scansionare lo snapcode“.

Photo Credit: focal point / Shutterstock.com

Fuocoammare

A Berlino anche “Fuocoammare”, il docu-film di Gianfranco Rosi: la questione migranti arriva al cinema

tango per la libertà

Tango Per La Libertà anticipazioni seconda puntata 13 gennaio: i funerali di Anna