in

Snapchat foto: un nuovo filtro “razzista” fa arrabbiare gli utenti dell’App

Il confine tra divertente e umiliante è spesso molto sottile. Ed è così che Snapchat, la famosa App di video e foto è finita nel mirino della critica da parte dei suoi stessi utenti. La polemica è montata a causa di un particolare filtro introdotto da Snapchat, ovvero quello che gli stessi clienti hanno definito “Yellowface“. Stando ai commenti, non propriamente positivi, la modifica sarebbe una caricatura razzista di una particolare etnia, gli asiatici.

CLICCA MI PIACE ALLA PAGINA FACEBOOK DI URBAN TECH E RIMANI SEMPRE AGGIORNATO

Il filtro sotto accusa applica una distorsione ai lineamenti del viso, dando poi agli utenti occhi a mandorla, segno indistinguibile delle popolazioni asiatiche. In passato la società creatrice e controllante di Snapchat aveva già detto di non voler riproporre questo tipo di filtro nell’applicazione. Il popolare Social Media era già finito nel mirino della critica a causa di una politica giudicata un po’ troppo a favore di una determinata etnia. Stando ai commenti infatti gli utenti giudicavano insensato la volontà di favorire la carnagione bianca, alleggerendo il colorito della pelle grazie a filtri appositi.

Anche la modifica “Bob Marley” è finita nel mirino delle polemiche. Ai clienti Snapchat non è piaciuta la caricatura, giudicandola insensibile. Immediata la replica di SnapchatLa faccina di ispirazione anime non verrà più rimessa in circolazione, il nostro obiettivo è di divertire senza offendere nessuno“. Ma le critiche sono scese copiose, anche da molti personaggi dello Tv e dello spettacolo. L’attrice e Blogger Latrice Butts ha twittato la sua indignazione verso il filtro, affermandoSmettila Snapchat, questo filtro ‘Yellowface’ non è per niente divertente“.

Photo Credits theverge.com

Aggiornamento windows 10 mobile pc nuova build

Aggiornamento Windows 10 mobile pc news: disponibile nuova build 14393.67

sla aumento casi

Allarme Sla, nel 2040 i malati saranno il 32% in più: le donne tra le categorie più colpite