in

Social network: ecco perché pubblicizzare la gravidanza su Facebook è in grado influenzarvi

Se una vostra amica mettesse al mondo un bambino e pubblicasse la sua foto nei social network credete che possa influenzarvi? Secondo una ricerca pubblicata su American Sociological Review, pare di sì. La gravidanza pubblicizzata nei social network provocherebbe una sorta di contagio. Secondo gli autori, questo effetto viene riscontrato subito dopo che un’amica che frequentavate al liceo dà alla luce un bambino, permane per circa due anni, e svanisce poco dopo. Nicola Barban, co-autore e un borsista post-dottorato in sociologia presso l’Università di Groningen in Olanda ha scritto in un comunicato stampa che “il processo non è immediato, ci vuole tempo in quanto c’è un periodo naturale prima del concepimento.”

social network pubblicizzare gravidanza

Se i ricercatori avessero “osservato un effetto immediato” avrebbero “concluso che tutte le amiche decidono di avere figli nello stesso tempo.” I ricercatori hanno analizzato i dati del National Longitudinal Study of Adolescent Health per monitorare più di 1.700 donne americane dai 15 ai 30 anni e si sono concentrati sui rapporti di amicizia nati nel periodo del liceo includendo solo le gravidanze dei primi bambini. Il fatto che le amiche di liceo abbiano figli pressoché nello stesso arco di tempo è dovuto a varie teorie. In primo luogo, è dovuto al fatto che le persone sono abituate a confrontarsi con gli amici.

D’altro canto i social network come Facebook e Instangram hanno un grande impatto sulle masse e in modo particolare tra le amiche. Inoltre i social network permettono di accorciale e conoscere i fatti degli altri con grande semplicità. Esisterebbe anche un motivo più pratico: secondo i ricercatori “è più facile per le ragazze rimanere amiche quando stanno vivendo la gravidanza nello stesso tempo. Le amiche del liceo non avrebbero soltanto un grande impatto solo dopo la laurea ma anche in tutta la nostra vita.” Forse è proprio per questo che è difficile dimenticare quel periodo.

passione e successo

Come avere successo? Amando il lavoro che svolgi

John Lennon: l’assassino Mark David Chapman si pente e riconosce di essere stato un “idiota”