in

Social street: in Italia 290 esperimenti di buon vicinato

Social street in continuo aumento. Stando a quanto riportato sul portale Emilia-Romagna Sociale, l’esperimento di buon vicinato ha incontrato finora l’adesione di ben 290 strade in tutta Italia, coinvolgendo 15 mila cittadini.

Bologna fenomeno social street

Un vero successo per l’ideatore bolognese Federico Bastiani, il residente di via Fondazza che per primo lanciò l’idea dando vita a un gruppo virtuale su Facebook che presto si è trasformato in realtà. Obiettivo? Creare una comunità dove ci si possa scambiare consigli e aiuto tra vicini e dove ci si possa riappropriare in modo utile degli spazi collettivi, strappandoli al degrado e restituendoli alla collettività. L’iniziativa non nasconde secondi fini di natura economica o politica, ma offre semplicemente spazio alla voglia di socializzare. La loro influenza, comunque, è cresciuta così tanto che anche l’amministrazione comunale di Bologna ha pensato di consultarle prima di redigere il piano che ridisegna la mobilità cittadina.

Intanto all’estero non vogliono essere da meno: dopo aver chiesto informazioni, sono sorte le prime social street anche in Portogallo, Croazia, Brasile, Nuova Zelanda. Insomma, un esperimento che si sta rivelando sempre più globale.

(fonte: Emilia-Romagna Sociale; immagine principale tratta da Facebook)

deflazione italia dieci città

Deflazione: dieci grandi città finiscono sotto zero

Robin Williams

Robin Williams: anche il mondo del calcio lo piange