in

Soft skills: che cosa sono le competenze trasversali e perché servono nel lavoro

Cosa sono e a cosa servono le Soft skills? Nel mondo del lavoro questi fattori spesso hanno un ruolo determinante nella scelta o meno di un candidato. Ciò che rappresentano per il datore di lavoro è il bagaglio di conoscenze, delle abilità e delle caratteristiche che il lavoratore ha maturato nel corso delle sue esperienze. Le Soft skills vengono anche definite competenze trasversali e suddivise in vari ambiti specifici, ecco quali.

Competenze cognitive: si tratta, in altre parole, del modo in cui si ragiona e vengono affrontati i problemi. Capacità di analisi, di sintesi e abilità nel cosiddetto problem solving.

Competenze realizzative: vertono sulla capacità del candidato di avere iniziative, creatività e idee da mettere in pratica. Inoltre rientrano in questa categoria anche le abilità nell’organizzazione autonoma e nella gestione del tempo, come la pianificazione e le capacità decisionali.

Competenze manageriali: in questo caso si tratta del ruolo di leader. Come comportarsi, motivare e incentivare il lavoro dei propri dipendenti.

Competenze relazionali: come lascia intendere la definizione stessa, in questo caso si tratta delle abilità riguardanti la capacità comunicativa, il rapporto e la gestione dei clienti e, soprattutto, l’abilità nella negoziazione.

Tra le Soft skills più richieste dalle aziende troviamo: capacità di problem solving, flessibilità, proattività, capacità di lavorare in squadra, abilità nell’essere multitasking, creatività e doti comunicative e relazionali nei confronti dei clienti.

roma giallo studente morto nel tevere

Studente americano ucciso a Roma: è giallo sulla sua carta di credito, chi l’ha usata?

San Sebastian 2016

Tour de France 2016 quinta tappa risultati: Van Avermaet fa il pieno, vittoria e maglia gialla